Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
sabato 3 dicembre 2011

Too emotional - Insegnare l'ascolto


Scroll down for English version - thanks! 
Prossimo post/next post  Tuesday/Martedì December 6th






Si può spremere fuori una sorta di saggezza dal mondo web, se hai la pazienza di sederti e riflettere su quello che ti capita, quello che passa per la testa alle persone al di là dello schermo.
 Alcuni giorni fa mia figlia ha pubblicato sul suo blog un articolo basato sulla sua esperienza di istruttrice di ginnastica per bambine e di maestra di rimpiazzo in un asilo nido, oltre che baby sitter ad oltranza di nipoti e bimbi altrui. Ne avevamo discusso prima a cena e ne è venuto fuori questo post nulla necessità di una educazione ferma e capace di trasmettere rispetto per gli altri.
Ciò che la irritava, e noi famiglia con lei, erano certi atteggiamenti iperprotettivi dei genitori, bambagia che produce bamboccioni direbbero alcuni. Genitori pronti ad attaccare insegnanti e allenatori per difendere le loro creature al minimo cenno di lamentela: “mamma, l’insegnante mi ha sgridato” (senza spiegare che l’ha fatto perché disturbava o non si impegnava) e la mamma corre a urlare in faccia all’istruttrice “sa, la mia piccola è molto sensibile e fragile, non deve rimproverarla!”. Il tutto bimba presente, con il solo risultato di far capire a quest’ultima che ha sempre ragione e gli insegnanti sempre torto.
Ora nel fare questo, nell’argomentare questa posizione che molti condivideranno, ha commesso un crimine indicibile, un reato contro la politically correctness, dato che ha menzionato nel pezzo le parole sculaccioni e scappellotti.
NON per indicarli come strumenti educativi, tanto meno da mettere a disposizione di insegnanti e allenatori, che se un buffetto possono permetterselo i genitori, forse i nonni, a nessun altro deve essere consentito. No. Più come icona, come metafora, come descrizione anche di un mondo passato.
Si è scatenato il finimondo, e la cosa sarebbe in sé comica se non fosse tragica.
Gente che l’ha accusata, non solo nel blog, ma anche su Facebook, di istigazione alla violenza; l’ha minacciata di denunce all’ordine  degli Psicologi (Chiara ha superato la triennale, quindi non è neanche psicologa!) e cose peggiori.
Ciò che come genitore mi ha fatto male e mi ha fatto riflettere sono commenti inqualificabili che possiamo descrivere così: “non ho letto e non leggerò il post, sono convinto che contenga solo sciocchezze e idiozie. Non condivido una sola parola di ciò che è scritto”. Che per lo meno pecca di incoerenza e illogicita.
Una signora l’ha a lungo derisa su FB, manipolando i testi e scegliendo con cura maliziosa estratti manipolatori, accendendo gli animi come si fa con i cortei spacca vetrine, e per che cosa? Per promuovere un suo libro che dice il contrario.
Ora non mi interessa parlare del contenuto del post di Chiara, si può essere d’accordo o meno, non è questo il punto. Né mi interessa parlare del contenuto dei post altrui.
Mi interessa riflettere sul modo.
Come è successo che abbiamo perso il gusto per la discussione, per il ragionamento, per la ricerca di una verità superiore?
Non c’è stata una sola persona che abbia fatto una domanda: mi chiarisci questo punto? Ho capito bene: dici che….? Nessuno.
Quando abbiamo barattato il ragionamento con la pancia, con l’ira?
Quello che ho visto sono commenti dominati dalla rabbia e dalla malizia, ideologicamente schierati, e violenti.
Invece che discutere si attacca la persona, si fanno illazioni sul suo passato, sul suo presente, la si distrugge moralmente. Una persona della quale non so nulla: non ne conosco i sogni e i dolori, le aspirazioni e l’esperienza. Nulla.
Che società stiamo creando per i nostri figli?
Che cosa stiamo insegnando loro?
Da dove nasce questa emotività irrazionale e colpevole?
E’ il web che ci trasforma così o sono altre le radici?
Un vostro parere è davvero gradito.









English version




You can squeeze a sort of wisdom from your web life if you can sit down and think about what happens behind the screen, in other’s people living.

Some days ago my daughter posted on her blog an article based on her personal experience as a gym coach and a nursery teacher about the importance of a steady education (is it the right word? I believe you could understand anyway).

I think we all share this concept and we do agree with the fact that parents should avoid tearing in parenting, weakly conceding everything. What worried the most Chiara, and we discussed it at dinner, was the fact that often parents attack teachers and coaches at the first complain of their cute kid: “the teacher was too rude with me” and the mom runs to scream in the face of the coach: “she is so emotional and fragile, don’t scold her!” and usually this is done in front of the little girl. The result for the kid is clear: I’m right you bloody teacher are wrong!

So she wrote a post about this and she made a criminal mistake against politically correctness, she just mentioned spankings and flicks. Not to suggest them as an education tool, much more not as a means for teachers and coaches. More like icons.

Now what happened could be described as exhilarating if it were not dramatic. She was flooded by post, not just on her blog but even on FB, accusing her of instigating violence, of misconduct and of many other horrible things.

What hurt me, as her father, was some unmarkable comments saying something like this: “I won’t read this stupid post because I believe it include a lot of bullshit. I just want to state that I do not agree with a single word written here inside”.
That make us sit down and think, not about the content of her post, neither about the substance of the attacks. About the way those have been made.
None asked a single question: what do you mean by that? Let me know if what I understood is your thought…
Few tried to argue on the subject, you can of course disagree on her, let’s say our, point of view, but went straigth to attack her personally with rage and malice.
How come?
How come that we lost the pleasure to discuss about a subject for the aim of reaching an higher truth?
How come that we just beat people and their life, people we do not even know, we do know anything about their dreams, their sorrow, their experience, their values. We just light up at the first spark and burst against!
Is this the society we are creating for our kids? Is this what we are teaching them? To aggress people? Is this what the net of making of us?
Your comments are welcomed!




12 commenti:

Stefano ha detto...

Ciao Paolo,
ho seguito quanto successo a Chiara nei giorni scorsi... e avete tutta la mia solidarietà. A parte il fatto che confermerei ogni virgola di ciò che ha scritto (sono insegnante alla primaria), l'episodio ha rafforzato una mia convinzione, cioè che Internet sia un mezzo magnifico per far circolare informazioni ma allo stesso tempo pessimo per pubblicare opinioni, peggio ancora per dialogare. I due fattori micidiali in questo senso sono la mancanza del linguaggio non verbale che provoca spesso travisamenti e incomprensioni (da qualche parte avevo letto che il 50% delle e-mail non vengono comprese nel loro reale significato proprio per questo) e la possibilità di fare copia-incolla di una singola espressione portandola fuori contesto, o comunque di spostare l'attenzione su una singola frase di un qualsiasi post, indirizzando la discussione su altri binari. Quando entro in un blog e vedo che un articolo ha un buon numero di commenti, per es. più di 100, talvolta mi diverto ad andare a leggere direttamente gli ultimi commenti in ordine temporale: quasi sempre si sta parlando di tutt'altro rispetto all'argomento originario del post. Farcisci tutto con un po' di superficialità, maleducazione, manie di onniscienza e il flame è servito... Sinceramente ormai evito di leggere i commenti di molti blog che seguo perché altro non servono che a provocarmi un travaso di bile... Grazie per le tue parole, ti seguo anche sulla Bussola Quotidiana, alla quale auguro in anticipo buon compleanno! Ciao!

Paolo Pugni ha detto...

grazie, commento lucidissimo e che condivido al 100%. Il mio timore è che questo atteggiamento trabocchi dal web e finisca nella vita reale...

Stefano ha detto...

Sicuramente oggi la capacità di parlarsi (non oso dire "dialogare") è ai minimi storici... e credo che chiunque possa facilmente riscontrarlo in varie situazioni, pubbliche e private. Sinceramente non ho i mezzi per affermare se ciò sia imputabile al web (meglio, al web 2.0) o se, al contrario, il web 2.0 sia lo specchio di un degrado comunicativo precedente... Una episodio che mi ha colpito molto recentemente: per caso su Rai Storia becco la registrazione di una trasmissione del '72 dove si parla della tragedia del Vajont: ospiti competenti, dialogo educatissimo anche nelle divergenze di opinione (aspetto che chi sta parlando finisca, faccio precisazioni sui contenuti senza attaccare la persona che li ha enunciati, mantengo un certo contegno e un tono di voce adeguato etc..), conduttore all'altezza... poi una sera guardo Ballarò... e hai già capito... Mi viene in questo: e se il "colpevole" fosse invece la TV?

Stefano ha detto...

Mi viene "in mente" questo... scusami...

Paolo Pugni ha detto...

Grazie mille Stefano, trovare un colpevole è... complesso. certo come dici tocchiamo con mano le conseguenze. E la TV non è certo esente da molte colpe.
Continuo la mia provocazione, alla giapponese (un altro perché): che cosa ha influenzato la televisione?
Grazie ciao
e buon domenica!

Stefano ha detto...

Forse la ricerca spasmodica dell'audience? (per cui "bene o (soprattutto) male, purché la gente guardi?"
Buona domenica anche a te!

Paolo Pugni ha detto...

Un punto per te! Ci penso ed elaboro.

Stefano ha detto...

Grazie! Fammi sapere!:-)

Rossella - Casa Lellella ha detto...

interessante scambio di idee... molto stimolante.

Paolo Pugni ha detto...

Grazie Rossella!

Anonimo ha detto...

Quoto il tuo amico Stefano, avendo letto il post di tua figlia e relativi commenti (ormai chiusi, sennò avrei aggiunto il mio). Forse attraverso il web alcune persone si esprimono senza filtri forti dell'anonimato, e comunque c'è un alto tasso di aggressività in ogni luogo e questo mi preoccupa. La colpa? Bah, sicuramente non delle sculacciate e scapaccioni ;)
Vagabonda sloggata

Paolo Pugni ha detto...

Vagabonda, sei mitica, da inventare se non ci fossi...