Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
mercoledì 21 dicembre 2011

Il Natale delle mamme


Speciale Natale Italiano

Prossimo post  Giovedì 22 dicembre


Abbiamo chesto a mamme attive in rete di darci i loro consigli per trascorrere bene le feste natalizie in famiglia. Ecco i loro consigli.



Stiamo imparando a vivere il Natale all'insegna della semplicita'.
1. Semplicita' nel valorizzare il vero significato del Natale, cercando di mettere Gesu' al primo posto e poi tutto il rsto.
2. Elegante semplicita' nel preparare la casa con decorazioni e canti che portano gioia.
3. Eliminare lo stress, ma puntare molto su un attegiamento di gioia e serenita'. Altrimenti come si ricorderanno del Natale i nostri figli da grandi? Non vorrei che si ricordassero di me stressata con una lista infinta di cose da fare.
4. Sfoltire gli impegni e essere presente a quelli davvero importanti.
5. Aprire la porta di casa a famiglia ed amici, senza puntare sulla riuscita perfetta, impossibile!
6. Con bimbi piccoli, cerco di inviatre amichetti e preparare qualche attivita' legata al presepe, tipo lavoretti natalizi...
7. Io e mio marito cerchiamo anche di goderci il tempo di Natale con una bella passeggiata o uno spettacolo a teatro adatto ai bambini.

Il nostro Natale in famiglia è all'insegna di 4 parole.
1 - Attesa: usando a fondo il tempo dell'Avvento, con tradizioni come il calendario e la corona dell'Avvento, i racconti natalizi, il presepe, l'albero, i biscotti di pampepato...
2 - Semplificare: sfoltire soprattutto i mille impegni tipici di questa stagione; è bello stare tra amici, meno bello impazzire per essere presenti a ogni bicchierata, serata d'auguri, ecc...
3 - Preghiera: fare dei piccoli propositi, leggere i brani della Bibbia che parlano dell'attesa e della nascita del Salvatore, intensificare la preghiera.
4 - Famiglia: di solito nonni e famigliari si riuniscono a casa nostra, per me una bella faticata e a volte qualche nervosismo, ma ora che i figli stanno crescendo condividiamo anche il lavoro ( e qualche piatto di grande resa e poca fatica ormai lo conosco!).



Susanna Manzin

Nonostante la fatica che abbiamo tutti sulle spalle (non per niente nella Salve Regina si parla di una “lacrimarum valle”) a Natale si dà per scontato che si debba riunire la famiglia. A volte è un piacere, a volte c’è un po’ di fatica, ma si fa. Perché si percepisce che “fare famiglia” è un valore insostituibile. E’ come se a Natale si volesse dire, magari inconsapevolmente, ai propri famigliari (genitori, fratelli, sorelle, coniuge, figli, nipoti, nonni): «Io sono qua, sono con te, sei la mia famiglia. Oggi siamo intorno ad un tavolo, e forse istintivamente avrei preferito essere altrove, ma ho capito che è giusto essere qui affinché tu sappia che io sarò accanto te ogni giorno, se avrai bisogno di me. Puoi contare su di me. Perché (posso dirlo per esperienza personale) nel momento della difficoltà, della sofferenza, non c’è nulla come la famiglia che sappia sostenere, aiutare, essere disposta anche al sacrificio».


Annarosa Rossetto

Noi cementiamo lo spirito di famiglia con un pranzo tutti insieme nella casa più grande. Chi ospita si occupa della logistica (tovaglie, piatti -di carta ma belli, segnaposto, candele ecc.) e dell'organizzazione del lavoro altrui: assegna a ciascuno cosa preparare in modo che a turno ogni famiglia porti antipasti, primi, secondi, contorni e dolci. Alla fine ci ritroviamo con scambi di teglie, piattoni, terrine, tanta confusione e allegria..


Da generazioni nella mia famiglia abbiamo adottato un "gioco" molto usato in Brasile nelle aziende o gruppi di amici: l'amico segreto. Ci si riunisce a novembre e si scrivono su bigliettini i nomi di ogni adulto che sarà presente nella cena della vigilia. Ognuno prende un nome che non verrà svelato fino a Natale. Ognuno fa un regalo solamente a chi ha preso nel sorteggio. In questo modo si mantiene la tradizione del dono, ma non diventa un incubo fare mille "pensierini". Il gioco fa aumentare l'attesa e toglie molto consumo, aggiungendo gioia e complicità. Tale tradizione che si faceva a casa dei miei nonno paterni, poi a casa dei miei, adesso l'abbiamo esportata alla famiglia di mio marito!

Anonima giornalista del nordest
La cosa migliore per valorizzare lo spirito di famiglia a Natale è scappare via! Io quest'anno, per la prima volta nella storia del mio matrimonio, prendo marito e figlio e fuggo dal 23 al 26 dicembre in località segreta, per evitare che come al solito il Natale si trasformi in un incubo. Ma non ti autorizzo a pubblicare queste righe con il mio nome e cognome per paura che il parentado malvagio da cui fuggo legga e s'infuri.

0 commenti: