Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
martedì 8 novembre 2011

Intervista alla prof. Isabella Milani


Scroll down for English version - thanks! 
Prossimo post/next post  Venerdì/Friday November 11th




Il bellissimo disegno della prof è di Paolo Moisello, in arte "Moise".
La professoressa Isabella Milani, toscana, è un’insegnante che lavora in una scuola pubblica italiana. Ci siamo imbattuti nel suo blog oltre che nel suo simpatico profilo Facebook e ne è nata una piacevole intervista che ci è sembrata così interessante e utile da non volerla tagliare. La pubblicheremo perciò in più puntate, intervallate dai altri post, per permettere a tutti di seguire il punto di vista di una insegnante decisamente fuori dal comune.   
La nostra Prof. durante tutta la sua carriera si è dedicata a sperimentare una didattica efficace, e sui risultati ottenuti ha tenuto corsi di aggiornamento. Ha deciso di scrivere di Scuola quando hanno cominciato a circolare idee e libri sulla Scuola che lei giudicava – e giudica -  contrari alla sua idea di “Scuola seria, democratica e giusta”. Ne è nato un blog, “La professoressa Isabella Milani è online”, molto seguito da insegnanti e genitori, e poi un libro: “Consigli pratici per giovani insegnanti”.
1) da dove nasce l'idea del suo blog e quale scopo si pone?
Nel quotidiano mi capita spesso di dare consigli ai colleghi, soprattutto sulla gestione della classe. Ho tenuto dei corsi di aggiornamento e anche in quella sede vedevo che gli insegnanti giovani erano molto interessati alle mie esperienze, e che anche a quelli che insegnavano da anni facevano piacere i miei consigli. Ho pensato che potevo essere d’aiuto a molte persone e, soprattutto, mi dispiaceva di non poter condividere quello che avevo capito dell’insegnamento e sapere che quando fossi andata in pensione sarebbe andato perduto. Avevo, per lo stesso motivo, iniziato a scrivere un libro sulle problematiche legate alla Scuola. Ho proposto il libro a diverse case editrici, prima di decidere di  autopubblicarlo, e la risposta è sempre stata che il libro era bello e interessante, ma non potevano pubblicarlo perché c'erano già tanti libri di didattica e gli insegnanti non li comperano. Blog e libro sono perciò un’eredità che desidero lasciare ai colleghi. E anche tutto quello che scrivo sulla vita in generale ha lo scopo di spingere insegnanti e famiglie a fare insieme a me delle riflessioni che portino a recuperare i valori che sono andati perduti.

2) che immagine si è fatta delle famiglie italiane?

 Le famiglie italiane soffrono. La società nella quale viviamo crea disagio e il disagio si riflette sulle famiglie e sulla Scuola. Ovviamente quel disagio si riversa sui ragazzi, che spesso reagiscono male o diventano proprio come i modelli che sono stati loro mostrati. In pratica: noi adulti abbiamo insegnato loro a comportarsi male e poi li condanniamo perché si comportano male.
Per tanti anni si è fatto credere alle famiglie che tutto era facile, che tutto era raggiungibile, che problemi non ce n’erano, che la felicità risiedeva in un bel televisore, in un bel cellulare, in una bella auto – meglio se due - , nelle vacanze ai Caraibi, nelle cene al ristorante, nei calzini di Armani. E non importava se per far questo bisognava indebitarsi. Tutti avevano diritto ad un po’ di ricchezza. Era giusto così: se non avevi tutto non eri nessuno.
Le famiglie sono state spinte a comperare compulsivamente, a considerare prioritario il possedere rispetto all’essere, e sono state convinte dai media che l’unico modo per essere degni di considerazione non era possedere dei valori, ma omologarsi al modello proposto da televisione e giornali: l’uomo spendaccione. Le famiglie hanno finito, senza accorgersene, per educare i figli a considerare come verbi essenziali non più, lavorare, riflettere, faticare, risparmiare, rispettare, conservare, studiare, sopportare, impegnarsi, dare, essere, ma divertirsi, rilassarsi, correre, chiedere, giocare, spendere, sperperare, cambiare, comperare e apparire.
Oggi le famiglie italiane sono oberate di problemi: disoccupazione, rate da pagare, figli da mantenere, capricci che non ci si può più permettere il lusso di avere, ma ai quali ormai si sono tutti abituati. Si sono svegliate di soprassalto dal sogno di vivere nel Paese di Bengodi e devono imparare a vivere in un altro modo. Dovrebbero farlo, almeno, se vogliono ritrovare un equilibrio.




<segue>
English version



This nice portrait of prof. Milan was made my Paolo Moisello, aka "Moise".


We met prof. Isabella Milani on the web, through her Blog and her  Facebook profile. She is a Tuscan professor working in a public school. She spent all her career searching new teaching methodology that she then start sharing through specific seminars. When she faced ideas and books that she couldn’t agree with she started writing her own blog.

We asked her to be interviewed and the result was so impressive that we decided to publish all the text in three posts. This is the first one.

We will try to summarize in comprehensible English her fluent and rich Italian.

1) Can you tell us something more about your blog: why did you start writing it?

I could say the love for the job: this blog with my Lulu book about teaching is a sort of heritage I’d like to leave to my colleagues. I believe I can be useful to them sharing what I discovered in my career about teaching and that would have been lost “like tears in the rain” when I had retired (note of the author: hope that the translation is correct: in case I will welcome your red pencil…). I’m writing to preserve a legacy that seems to be disappearing, values that were lost and that I believe are still very founding.

2) How are Italian families doing  in your opinion?

 They are in pain. Our society produces hardship and this uneasiness hurts families and the school. And thus, as a consequence, the kids. And they react the way we taught them: with bad manners. And then we condemn them, because they just use the only language they know, the one we taught them.

We have been manipulated to believe that happiness lied in objects, holidays, money and that these goals were at easy reach. We have been moved to purchase compulsively and to align our desires to the ones we were told by newspapers.

We replaced some essential words with other ones with a different meaning, we removed from our dictionary:
to work, to think, to strive, to save money, to respect, to preserve, to keep, to study, to engage, to give, to be
with other ones
to have fun, to relax, to run, to ask, to play, to spend, to buy, to waste, to change, to look like, to show up.
And so on.
And then, due to the crisis, we woke up, and we discovered that we are no more able to buy everything we want and that happiness is not there. And we have to learn quickly to live in a different world.
3) which are the main challenges they have to face?
Families, so I’d like to say us, have to learn to live in a less consumer world and recover values which are not linked to money. It’s very hard.
The school cannot do this without support.
The messages that the media provide to the kids are devastating, they are told that the real world is the one lived inside the tv, inside the advertisement, a world without rules where you can claim what you want and impose yourself.
The main challenge for the family is to learn which are the real messages that are sent to their kids and try to disarm them while promoting the true values.
Paradoxically this hard crisis can be an ally for braking the cage. 

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Davvero interessanti queste considerazioni, ma soprattutto utili. La professoressa Milani, a mio parere, in questo periodo non bello che siamo costretti a vivere, funge da pungolo per punzecchiare il torpore generale in cui spesso, nostro malgrado, ci ritroviamo. E' una docente che sente ancora forti, nonostante tutto, l'esigenza e il dovere di rendersi utile ai nostri giovani. Insegno nel liceo classico di Agrigento ormai da tanti anni e - vi assicuro - molti dei suoi suggerimenti spesso mi tornano utili; ho infatti letto la sua recente pubblicazione, che consiglio ai docenti giovani o, come me, meno giovani.

Paolo Pugni ha detto...

Grazie! Condivido pienamente. E le prossime due parti dell'intervista sono ancora più ricche!
Paolo

Anonimo ha detto...

Molto brevemente. Anch'io ho vissuto un buon numero di anni a contatto con i bambini( sono insegnante della scuola primaria) e devo dire che per quanto mi sforzi di aggiornarmi nelle tecniche, nei metodi e nei contenuti d'insegnamento e svolga il mio lavoro con immutata passione si fa fatica a rintracciare dei modelli e delle norme ben orientate della società attuale ( qualis pater, talis filius) che possano essere un valido riferimento per tutti.
L'individuo nella società attuale è sommerso da messaggi che tali non possono definirsi perchè tendono a concepire l'individuo uno strumento e non un fine.
E le giovani generazioni come ne vengono influenzate!?

Paolo Pugni ha detto...

Una acuta osservazione: è quanto puntualizzerà la seconda parte dell'intervista che verrà pubblicata il 17 novembre. C'è proprio un punto chiave qui, un problema enorme.
Grazie per averlo evidenziato
Paolo

Anonimo ha detto...

Ogni tanto anche io ho pensato che sarebbe bello comunicare ai colleghi giovani e meno giovani la mia lunga esperienza con i miei studenti.I giovani,prima dei fiumi di parole con cui li inondiamo,vogliono vedere l'anima.E noi dobbiamo guardarli negli occhi.Ci stiamo assieme ogni giorno,per ore,come potremmo non amarli?Assieme a loro(questa è una iniziativa recente) faccio un programma radio nel quale,con ospiti,parliamo di tante cose importanti,sempre dal punto di vista dei valori

Paolo Pugni ha detto...

molto interessante questo programma radio: che ne dice, possiamo intervistarvi per il blog? Che ne dite?