Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
sabato 5 novembre 2011

Sconnessi dalla realtà - Unplugged: from reality


Scroll down for English version - thanks! 
Prossimo post/next post  Martedì/Tuesday November 8th







I nostri figli: sembra che vivano nei videogiochi, sembra che stiano perdendo il senso di che cosa voglia dire vivere nel mondo reale.
Per caso stiamo anche noi smarrendo la connessione con la realtà?
Sinceramente non lo so, quello che vediamo, drammaticamente, è che sempre più spesso i nostri figli, e non solo gli adolescenti, sembrano essere incapaci di collegare le proprie azioni ai risultati che ne conseguono.
  • Non studiano e sono sorpresi quando sbagliano le verifiche o vengono bocciati.
  • Si ubriacano e non capiscono perché perdono il controllo.
  • Mangiano a dismisura e poi si scoprono indesiderati e derisi.


Siamo sicuri che si possano aggiungere molte cose a questo breve elenco.
Ora, se scaviamo a fondo possiamo scoprire una radice che è probabilmente il nucleo di questo metodo pericoloso di vivere: la prevalenza delle emozioni.
Sembra che per essere sinceri con se stessi e con gli altri si debbano soltanto ascoltare le proprie emozioni, dimenticarsi della ragione e del controllo di se stessi. Essere spontanei, genuini e assolutamente immediati.
Ma siamo sicuri che questo comportamento abbia a che fare con l’onestà? Siamo davvero convinti che seguire gli impulsi sia il modo migliore per condividere con le altre persone quello che siamo?
Non dovremmo insegnare ai nostri figli di pensare prima di fare, agire, scrivere, bere e così via?
Non dovremmo insegnare loro il concetto di responsabilità e di vivere connessi alla realtà dei fatti?
Non dovremmo essere noi i primi a comportarci con responsabilità e vivere collegati alla realtà?
Come possiamo fare tutto ciò?


English version




Our kids are living in a videogame, they seem be losing the understanding of what real life mean.
Isn’t it because we too lost connection with real world?
Honestly I do not know, what we can dramatically see is that more and more kids, and not just teens, seems to be unable to link their deeds with the results they get from them as a consequence.
  • They do not study and they are astonished when they fail.
  •  They drink and cannot understand why the lose control.
  • They eat too much and then....


We are pretty sure you can add more example to this short list.
Now, if we dig we can actually find a root that is likely the core problem for this dangerous approach to life: the prevalence of emotions.
It seems that to be true to yourself and other people you just need to listen to your emotions, forget about the reason and the self-control. Be spontaneous, unaffected, unstructured.
Are we sure this as to do with honesty? Are we really persuaded that impulse is the best way to share with other people what we really are?
Shouldn’t we be teaching to our kids to think about before talking, acting, writing, meeting,
Shouldn’t we be the first one to behave responsibly and to live connected to reality?
How can we?


0 commenti: