Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
venerdì 6 aprile 2012

Le donne della Monforte: in collaborazione con Faes Milano

Next english & italian post 
Monday April 9th
Happy Easter


Con piacere pubblichiamo il post apparso nella pagina news di FaesMilano





Le donne della Monforte
Interviste ad ex alunne del liceo classico Monforte.

Iniziamo oggi a pubblicare interviste con ex-alunne del nostro liceo, che hanno avuto successo nella vita. E’ importante capire che cosa intendiamo per successo: non tanto una folgorante carriera, semmai piuttosto il raggiungimento di un sano equilibrio tra l’attività professionale e la vita di famiglia. Ancora di più: persone felici che sono convinte di avere trovato il giusto senso nella loro vita.

La prima della nostra carrellata è

Raffaella Aliprandi


Sposata, madre di Beatrice, filosofa ormai solo per hobby, lettrice appassionata e professionista con 13 anni di esperienza maturata nel settore finanziario nell’ambito delle risorse umane, della comunicazione, dell’identità e della cultura aziendale, della responsabilità sociale d’impresa e della sostenibilità

1) Il liceo Monforte primo classico di Milano secondo la Fondazione Agnelli: che impressione le ha fatto questa notizia?
Misurare la qualità di una scuola è un esercizio complesso, ma anche incredibilmente affascinante. Ci induce a interrogarci sugli elementi distintivi che qualificano l’offerta formativa. Mi piace molto l’idea di affrontare la questione a partire dal risultato conseguito dagli studenti nel loro percorso universitario, come a dire che è il prodotto finale che fa la differenza.
La pole position conquistata dal Liceo Monforte sulla piazza di Milano mi ha fatto riflettere sul fatto che ho goduto di un privilegio per nulla scontato: ho condiviso i miei anni di formazione con tante “teste brillanti”. L’apprendimento è senz’altro favorito da un contesto intellettualmente stimolante.

2) Che cosa le ha dato in particolare di positivo la Monforte che le è servito per la sua crescita personale e professionale?
Mi ha insegnato quanto è importante saper fare le “domande giuste”.
Sono le domande che muovono il mondo, che guidano le decisioni grandi e piccole che siano, che ci spingono a metterci sempre nuovamente in ricerca e ci mostrano che non è mai troppo tardi per imparare qualcosa di nuovo.

3) Scuola omogenea femminile: un vantaggio o uno svantaggio? perché?
Personalmente mi definisco “agnostica” rispetto alla questione. Considerando l’esperienza personale che ho vissuto, non riesco a vederci un vantaggio, né tanto meno uno svantaggio.
In linea generale credo che la ricchezza del confronto sia direttamente proporzionale alla varietà e alla diversità di punti di vista, esperienze, prospettive. Sono senza dubbio una sostenitrice del valore della diversità, quando si parla di apprendimento per gli adulti, materia di cui mi sono occupata in ambito professionale.

4) Può condividere un breve ricordo, un episodio, della sua vita scolastica?
Le lezioni di filosofia: appassionate discussioni guidate dalle domande che stavano a cuore a noi studenti
La tutor: una sorta di “coach” che sosteneva la crescita personale a partire dalle specificità di ciascuno studente
La biblioteca: uno spazio dove viaggiare con la mente




1 commenti:

Rossella - Casa Lellella ha detto...

solo un salutino e buona Pasqua a te e alla tua bellissima famiglia!