Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
lunedì 17 ottobre 2011

Contro gli esperti - Unreliable experts


Scroll down for English version - thanks! 
Prossimo post/next post  Venerdì/Friday October 21st





Abbiamo discusso, in un post precedente, dei criteri che si possono usare per scegliere e organizzare ciò che si trova in rete. Questo post di Rosario Mastrosimone  concorda con la nostra idea e la rinforza: senza una linea guida è impossibile parlare di educazione. L’autore spiega che tutte le infinite liste di suggerimenti, molti dei quali sembrano anche in opposizione tra loro, in qualche modo stanno compromettendo l’educazione.
I genitori sono incapaci di prendere decisioni e agire in accordo con tali decisioni perché sono persi nella foschia generata dall’enorme numero di indizi, a volte anche stupidi e spesso nebbiosi.
Siamo d’accordo con Mastrosimone che un sacco di suggerimenti, molti dei quali arrivano da astruse teorie più che dall’osservazioni e dall’esperienza, non dovrebbero essere seguiti, e nemmeno presi in considerazione.
Ma dobbiamo comunque fare qualcosa, non possiamo soltanto basarci su quanto è chiamato “buon senso” che è solitamente raro e difficile da trovare.
Cosa fare dunque?
Ecco i nostri consigli, basati sui nostri sforzi come genitori e sull’osservazione di famiglie che conosciamo, che ci fa piacere condividere con voi:
1)   Ogni bambino dovrebbe essere educato nel modo più adeguato per lui e non seguendo uno schema predefinito. Ognuno di noi è diverso, e deve essere amato, in un modo diverso…nel suo modo personale.
2)   Stabilite quali siano i vostri valori e principi e da questi traete il comportamento da tenere, usate tali valori come dei criteri per organizzare i suggerimenti, i consigli e affermazioni dei vari autori che vi capita di leggere. Dovete avere ben chiaro in che modo volete gestire la vostra famiglia, in che cosa credere. E agite di conseguenza.

Potrebbe essere difficile? Certo, avete ragione. Ecco perché siamo qui per aiutarci a vicenda.

Nota
Qui trovate l'intervista che parla di questo blog realizzata da RadioTelePadrePio, che ringraziamo di cuore.


English version








We discussed some post ago about the criteria to sort what we find on the web. This post by Rosario Mastrosimone backs it pointing out that all the endless list of suggestions, most of which seems to be conflicting one another, is in some way jeopardizing education.
Parents are unable to take decisions and act accordingly because they are lost in the mist generated by the huge number of silly and foggy clues.
We do agree with him that a lot of suggestions, mostly coming from abstruse theory more than from observation and experience, should not be followed, not even taken into consideration.
But yet we do  have to do something., we cannot just relay on what is called “good sense” which actually is rare and hard to find.


What to dot then?


Here are our hints, based on our efforts as parents and our observation of friends’ families,:
1)   every kid should be educated in her/his way not following a prearranged plan/schedule. Anyone of us is different, we have to be loved, and therefore love, differently…. My way.
2)   Set your value and principles and deduce from them what you have to do, and use this values as criteria to sort the hints and clues or claims from different authors. You should know firmly where you want to lead your family, what are you believing in. Act accordingly.


That could be difficult? Yes, you’re right. That’s why we are here to help each other.



2 commenti:

Francesca ha detto...

Sono d'accordo, c'è un infinità di suggerimenti sbagliati soprattutto da parte di "esperti" nei salotti televisivi che creano una grande confusione a chi ascolta fidandosi del potere televisivo.
Come mamma posso dire che i Suoi suggerimenti sono ottimi, ogni bambino e ogni ragazzo è diverso e bisogna adottare comportamenti adeguati per non urtare la sua sensibilità-

Paolo Pugni ha detto...

Grazie Francesca!