Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
venerdì 21 ottobre 2011

Assecondare i figli - Pride and indulgence


Scroll down for English version - thanks! 
Prossimo post/next post  Monday/Lunedì October 24th


Breaking news i post da non perdere  
1) il ruolo del padre è superato? Un post da leggere 
2) quando lo sport diventa diseducativo: genitori maledetti






Non dovremmo assecondare le debolezze dei nostri figli, essere indulgenti finendo così per promuovere i loro fallimenti. Noi tutti lo sappiamo, o dovremmo saperlo per lo meno, e non dimeno ci sembra così difficile comportarci di conseguenza… Ma perché?
Forse perché vogliamo proteggerli, vogliamo mostrare loro che capiamo i loro limiti.

Abbiamo la tendenza a confondere l’amore con l’indulgenza, atteggiamenti che secondo noi sono invece esatti opposti.

L’amore dei genitori dovrebbe essere focalizzato a educare, ad aiutare i figli a crescere con una forte personalità, e non dovrebbe invece tollerare ogni cosa essi facciano in modo che loro mostrino smisurato entusiasmo per noi. Questo è audience non amore.

Abbiamo parlato di orgoglio e presunzione in un precedente post. Caratteristiche tipiche degli adolescenti d’oggi.

Dunque, come potremmo insegnare loro l’umiltà? Umiliandoli?

Nient’affatto!

Allo stesso tempo però non dobbiamo assecondare tutte le idee che gli passano per la testa, condividere ogni cosa dicano, elogiare ogni cosa facciamo e scontarci contro chi non è d’accordo con loro (insegnanti, datori di lavoro, capi, amici, altri famigliari e così via.)

Il messaggio che dobbiamo far passare è: “Hey bello, chi credi di essere? Potresti anche essere talentuoso, un bravo ragazzo, ma devi rispettare le persone che ti sono intorno e imparare prima di pretendere di insegnare al mondo.” Ovviamente se ci riferiamo ad un eccesso di orgoglio, non a manifestazioni di sana autostima. 

Cosa ne pensate?







English version






We should not second our kids weaknesses, indulge to promote their failings. We all know this, or we should at least, and nonetheless this seems so hard to do… Why then?
Maybe because we want to protect them, to show them we understand their limitations.
We tend to mistake love with indulgence, which in our opinion are exact opposites.
Parents’ love should be focused to educate, to help kids grow with a strong personality, not to tolerate everything they did so that they can love us too. That’s audience not love.
We talk about pride and conceit in previous posts. Now that’s typical of many teens nowadays.
So what should we do to teach them humility? Humiliate them?
Not at all!
At the same time we should not cheer every ideas they have, support anything they say, praise all their deeds and fight people who disagree with them (school teachers, employers, bosses, friends, other parents and so on).
The message we should convey is: “hey baby, who do you think you are? You might be talented, a good guy, but you need to respect people around and learn before pretending to teach the world”. If we talk about pride of course.
What do you think?


0 commenti: