Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
sabato 8 ottobre 2011

Guiltless kids? - E' solo un bambino!


Scroll down for English version - thanks! 
Prossimo post/next post  Martedì/Tuesday October 11th





I bambini sono senza colpa? Sono sempre innocenti a causa della loro età? Sono immuni da difetti e colpe? Fino a quando? C’è una precisa linea di conine che può dividere la vita con un taglio netto: fino a qui sei incolpabile, da ora in poi sei responsabile delle tue proprie azioni?
Qualche volta dobbiamo riflettere su queste domande perché la vita ci insegna che sempre più i genitori sono pronti a giustificare ogni errore che commettono i loro figli usando la scusante della loro piccola età: è solo un bambino!
Stiamo davvero sostenendo che i bambini possono non avere colpe? Che possono fare qualunque cosa? Come picchiare altri bambini ai giardini, morderli, rubare loro i giocattoli e romperli e così via?
O stiamo cercando di proteggere la nostra immagine come genitori, come genitori senza colpa: solo per far si che le altre persone non pensino che siamo pessimi educatori, genitori imperfetti, e così via?
Oppure la colpa va alla società che non può accettare ciò che è sbagliato e, come qualcuno disse, “permette tutto ma non perdona nulla”?
Mi piacerebbe condividere con voi questo post di Francesca Capriati, che mostra come questo problema stia crescendo.
E ora come possiamo affrontarlo? È difficile dirlo a meno che non ci riferiamo a noi stessi: dobbiamo cambiare ma è difficile cambiare le altre persone dal momento che è una questione più emozionale che logica. E non si può discutere sulle emozioni…
Dunque avete qualche suggerimento su come possiamo tenere sotto controllo questa direzione difficile? Le conseguenze non sono troppo lontane e sono abbastanza facili da comprendere: gli adolescenti bulli convinti di poter fare tutto quello che vogliono, sempre protetti dai loro genitori, stupidi adulti che ruotano intorno a loro stessi e ai loro istinti e passioni.
Ne avete visti in giro?


English version





Are the kids guiltless? Are they always innocent because of their age? Are they immune to faults and guilt and blames? Till when? Is there a precise deadline that could part the life with a sharp cat: till here you are blameless, from now on you are responsible of your own actions?
Sometime we have to think about these questions because life teach us that more and more parents are ready to provide justification for every mistakes done by their kids using the shield of their little age: it’s just a child!
Are we really claiming that children can truly be guiltless? That they can do everything? Like beating other children at the playground, biting them, stealing their toys, braking them and so on?
Or what we are trying to protect is our image as parents, as blameless parents: just to prevent other people from thinking that we are not good educators, perfect parents, and so on?
Or the blame goes to this society that cannot accept what’s wrong and as some one states sharply “allows everything but does not forgive anything”?
I’d like to share with you this nice post by Francesca Capriati, that points out how this problem is a growing one.
Now how can we face it? Difficult to say unless we refer it to ourselves: we have to change but it’s a tough hurdle to change other people since here it’s much more an emotional questions than a logic one. And you cannot argue with emotions….
So do you have suggestions on how to manage this dangerous drift? The consequences are not too far away and are quite easy to spot: teen bullies convinced that they can do everything they want, always protected by their parents, silly adult revolving around themselves and their instincts and passions.
Can you see them around you?


1 commenti:

Paolo Pugni ha detto...

Pubblico questo commento ricevuto sulla pagina Facebook

di Claudia Manfredini

lo sai cosa penso... giustifichiamo la maleducazione dei bambini per assolvere noi stessi dalle nostre incapacità. Dire è solo un bambino, o peggio, anch'io ero così, non ha nulla a che vedere con l'educazione dei nostri figli, ma con la nostra incompetenza. Buona giornata.