Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
lunedì 24 ottobre 2011

Genitori deboli - Weak parenting


Scroll down for English version - thanks! 
Prossimo post/next post  Thursday/Giovedì October 27th


Breaking news i post da non perdere:
  






Sono turbato dal fatto di dover  tornare così spesso su questo argomento, devo confessare che è qualcosa che mi urta e mi innervosisce davvero molto. Sto parlando della cura esagerata che hanno alcuni genitori verso i figli che soffoca la loro possibilità di crescita. Perfino quando i figli sono già grandi!

Tre episodi spiegano meglio il problema:

1)   Una mamma è stata condannata dalla corte per la sua “super-cura” verso la sua bambina di sei anni. Quello che lei chiamava “amore” la corte lo ha definito possessione estrema, poichè ha portato a tenere la bambina in gabbia, forse anche d’oro, ma pur sempre una cella.
2)   Uno dei ribelli della protesta di Roma è stato catturato grazie alle fotografie scattate che lo riprendono mentre lancia un estintore. Ha confessato. La mamma ha detto che sarebbe diventato matto in prigione e che sarebbe dovuto essere perdonato del fatto dal momento che non intendeva ferire nessuno.
3)   Un insegnante di scuola elementare ha mandato i genitori a parlare con il direttore in seguito alle decisioni prese in merito ad un cambio organizzativo dovuto ad un problema imprevisto di forza maggiore. I genitori hanno discusso con il responsabile dicendo che il loro figlio non andava d’accordo con le nuove collega che gli erano state affiancate, né con il nuovo capo intermedio, per non parlare della sede disagiata e che non avrebbe retto lo stress che ne sarebbe derivato. Hanno chiesto che si intervenisse per sanare la situazione.

Allora, questi fatti sono molto diversi per complessità e serietà. Ma il cuore del problema è sempre lo stesso: non toccate il mio bambino!
Cosa è succede al ruolo di genitori? Da quando siamo stati intrappolati in questo ingiusto ruolo? Quando ci siamo dimenticati che dobbiamo preparare il sentiero ai nostri figli e non dobbiamo ammorbidirlo?

Cosa possiamo fare per guarire?



English version




I’m embarrassed  to often come back to this subject, I have to confess it is something that hurts me and annoys me so much. I’m talking of the overwhelming care of parents that suffocate the chance to grow of their kids. Even when they are grown!


Three facts just to depict the problem:

1) a mom was condemned by the court charging or of “over-care” for her six years old kid. What she called “love” the court believed was an over-possessive attitude that kept the kid in a cage, maybe a golden one, but still a jail.
2) One of the rebel of the Rome riots was found and caught thanks to pictures taken during the turmoil. He confessed. Her mother said that he will get mad in prison and that he should be forgiven because he intended hurting no one.


3) A elementary school young teacher sent her parents to discuss the decisions of her boss to change partially her job due to unexpected problems that required a quick re-organization of the staff. The parents argued with the boss saying that the girl cannot cope with the new colleague she is now working with and that she won’t withstand this high stress situation.



Now, these are facts with very different level of complexity and seriousness. But the core problem is always the same: don’t touch my kid!



What happened to parenthood? When were we trapped in this unfair rule? When did we forget that we have to prepare our kids for their path and we should not smooth the path for our kids?



What could we do to recover?


0 commenti: