Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
lunedì 27 dicembre 2010

The kids tyranny - La dittatura degli infanti

Prossimo post Next post Thrusday/Giovedì 27 dicembre


Have a meaningful Holy Xmas

Vi auguriamo un santo Natale ricco di 

significato

I prossimi post verranno pubblicati nelle date/

Next post foreseen for:


30 dicembre/ December 30th

3 gennaio / January 3rd

7 gennaio/ Januart 7th





La bimba ha poco più di due anni, e a metà mattina ha iniziato a vomitare. “Un altro caso di influenza intestinale”, pensa la maestra dato che la città è piena e l’asilo nido svuotato. Chiama la mamma, diciamo una professionista, un avvocato, seguendo alla lettera la procedura: “Annina è malata, ha vomitato due volte”. “Che strano”, risponde la madre” stamattina stava benissimo. Siamo anche andate a fare colazione insieme al bar e le ho finalmente fatto prendere un espresso. Me lo chiedeva da così tanto tempo che oggi come regalo gliene ho preso uno tutto per lei!”.
Già, e magari dopo il caffè ha chiesto anche una Marlboro?  E perché non gliel’ha data? Perché non applicare il medesimo approccio anche a questa richiesta?
Può sembrare una barzelletta, anni fa si raccontava quella dei genitori che portano il bimbo di quindici mesi all’ospedale e alla fine confessano di avergli fatto bere del vino bianco. Il medico reagisce scandalizzato: “latte deve bere un bambino, latte! Non vino!”. E i genitori appiano ancora più stupiti e smarriti: “latte? Con l’impepata di cozze?!”.
Questa volta però non è una barzelletta, ma una storia verosimile. E sembra essere il problema educativo della nostra epoca: mamme e papà danno fuori di testa.
Viviamo sotto la tirannia degli infanti: il potere sembra essere saldamente nelle mani di questi piccoli selvaggi, che impongono la loro sregolata volontà, fissando regole che li portano ad essere sempre più egoisti ed egoreferenziati.  Con il concorso di colpa, anzi noi: con la piena responsabilità dei genitori.
Che cos’hanno in testa padri e madri quando dicono che sarà il bambino a decidere quando smettere l’allattamento al seno: è forse questa una decisione che un bambino può prendere?
Che cos’hanno in testa padri e madri quando dicono che sarà il bambino a decidere quando smettere il pannolino: è forse questa una decisione che un bambino deve prendere?
Che cosa sta succedendo allora? Perché mamme e papà, che non possono certo essere descritti come sprovveduti o ingenui o sciagurati, danno fuori di matto? Perché persone che giornalmente prendono decisioni difficili e gravide di conseguenze, si lasciano tiranneggiare e manipolare da infanti incapaci anche di parlare?
Due le ragioni con le quali vogliamo provocarvi: già perché ormai ci conoscete e sapere che usiamo “parolacce” per svegliare il ragionamento, per infiammare la discussione. E vogliamo dunque essere ruvidi e duri:
1)   Non gliene frega nulla dei figli: ne hanno voluto uno (avere un figlio oggi va di moda) ma non hanno mai inteso educarlo. Che ogni novità viene venduta con il suo manuale delle istruzioni e poi quando siamo stufi, la si può buttare via. Quindi con i figli è la stessa cosa: lasciamo che facciano quello che vogliono e che non rompano.
2)   Li amano troppo, ma confondono il significato di amore. Amore non è un sentimento, è un piano d’azione. Quindi, confondono ciò che i figli vogliono con ciò di cui i figli hanno bisogno. E questo è un punto critico. I genitori hanno il dovere di dare ai loro figli ciò di cui questi hanno realmente bisogno e non ciò che pretendono, e che generalente non è ciò che meritano o di cui abbisognano.
E allora? Quali sono le cause di questa deriva e quali le soluzioni? Che ne pensate? Avete idee? Suggerimenti? O non la pensate come noi?





English version






The little girl, she’s twenty-six months old, seems to be quite sick: she vomits twice in less than fifteen minutes. It’s the viral ‘flu, the teacher thinks, that is widespread in town. So she calls the mother, following the procedure: “Little Jane is sick, she’s vomiting: could you come and pick her up?”. “That’s wired”,  answers her mom, let’s say a layer on her best thirties, “she was so happy and felt so good this morning that we went having breakfast in a bar and she finally got that espresso she was asking for since a long time!”.
Now, she got an espresso because she was asking for since a long tie? What about is with the coffee she asked also for a cigarette? Why not? Why don’t applying the same approach?
What seems to be a joke, and unfortunately it is not, actually is one of the major problem of the education process. Moms and dads getting mad.
We are living an age that could be defined as the kids tyranny: the power seems to be firmly hold by this little savages, imposing their wild will, setting rules and getting more and more selfish.
What do parents have in mind when they say that mom will stop breastfeeding her kid until when (s)he will decide so. Is that a kind  of decision a kid could reasonably take?
What do parents have in mind when they say that the kid will go on wearing and using a napkin until (s)he wants to: is that a kind of decision a kid should reasonably take?
What’s happening? Why do moms and dads, which can no way be described as dull or naïve or wicked, people who are used to take tough decisions daily at works, end up being tyrannized and overpowered by little kids still unable to talk?
Two main provoking reasons. As you know, we love to use harsh words just to wake up our brains and heat up discussion. So, let’ be rude, very rude:
1)   they don’t care about their children: having one is what they wanted, never considered raising it up. Stuff comes with instructions, and when we got tired, let’ throw away. So, don’t let him/her bother us: let’s just do what they want and don’t care.  
2)   They do care too much, but they tend to take feeling for love. Love is not a feeling, it’s love is an action plan. So they tend to mistake what they want with what they need, and that’s a very dangerous point. Parents have to give to their children what they need, not necessary what they ask for, which usually may not be what they deserve and lack to grow.
Now what? Which could be the causes and which the solutions for this problems?
Do you have ideas? Suggestions? Doubts? 


0 commenti: