Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
giovedì 26 maggio 2011

teaching gratitude - insegnare la gratitudine

Prossimo post Next post
 Monday/Lunedì May 30th
Scroll down for English version - thank you




Sono stato molto colpito da un bellissimo articolo di qualche tempo che ho letto di recente, apparso ul blog di Mamma Imperfetta. Parla della gratitudine. Una merce rara ai nostri giorni. L’anomima autrice la descrive così: ”È un senso di riconoscenza. È una consapevolezza di preziosità. È la capacità di apprezzare le minuzie o di trasformare quelle che reputiamo tali in doni”.  Un’arte dovuta agli altri.
Ed è un’arte molto difficile da insegnare. Sembra che la parola “grazie” sia le meno conosciuta e pronunciata dai ragazzi oggi. Tendono a credere che sia loro tutto dovuto e che ognuno sia lì solo per servirli e dare loro ciò che vogliono. E che no si tratti di un atto di generosità e di profondo amore.
Come è potuto accadere?
Tendo a credere che la ragione sia che ci siamo scordati di che cosa sia l’umiltà. Che è per me la più importante delle virtù e quella fondante le altre. E in questo caso per me umiltà significa essere consapevoli che dipendiamo dagli altri. Sempre. In ogni circostanza.
Non che questo significhi che non possiamo essere autonomi, cosa ben diversa da essere indipendenti: intendo dire che abbiamo legami con gli altri che non si possono spezzare. E se volete questo legame ce l’abbiamo soprattutto con Dio.
Che non siamo il centro dell’universo.
Questo riallineamento è fondamentale per insegnare la gratitudine che, essendo un atteggiamento prima ancora che un comportamento, richiede di essere insegnata con l’esempio innanzitutto.
Avete dei suggerimenti su come farlo?








English version



I’ve been hit by an article I read recently on Mamma Imperfetta (imperfect mother) web page. It’s about gratitude. Actually a goods quite rare. Gratitude, explains the nameless author is ackowledgment, is  being aware of the precious gifts received, is the capability to appreciate details. It’s an art due to other people around us.
And is difficult to teach. Nowadays it seems that the word “thank you” is quite an unknown expression for many kids. They tend to believe that everyone is there to give them what they want and that this is not a gift but an act of profound love and generosity.
How comes?
I tend to believe that the reason is that we forgot what humility is. Of course in some way it’s the greatest virtue, the founding one. And in this case it means the awareness that we depend from other. Always, Everywhere. In any way.
I’m not saying that we cannot be autonomous, which is different from being independent: what I mean is that we have unbreakable links with  other people, and if you believe with God.
And that we are not the center of the universe.
This shift is needful if we want start teaching gratitude, and since it’s an attitude more than a behavior –of course gratitude is expressed through acts- we need to teach it by example.
Do you have any suggestion how?








5 commenti:

Silvia - Mamma Imperfetta ha detto...

Ciao, sono Silvia, l'"anonima" autrice (si fa proprio dire...).
Grazie per questa ripresa del pezzo.

Adwice ha detto...

Grazie a te per averlo scritto, confesso di non avere trovato il nome nel sito, ma si sa, sono un uomo e non vedo se non ce l'ho sotto gli occhi...
Un ottimo spunto che spero di avere colto nel senso che intendevi.
A presto
Paolo

rossella ha detto...

che bello questo post!

Violetta ha detto...

Grazie per aver scritto questo post e tutti gli altri... mi consola sapere che non sono l'unica ad insegnare al proprio figlio la gratitudine, continuo a farlo ogni giorno automaticamente e l'unico modo credo sia l'esempio.

Adwice ha detto...

grazie a voi, Violetta e Rossella, per essere sempre presenti!