Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
sabato 10 settembre 2011

Senza autorità - Authorityless


Scroll down for English version - thanks! 
Prossimo post/next post Martedì/Tuesday  September 13th






Siamo colpiti e interessati da alcuni articoli pubblicati dai giornali e riviste italiane circa alcuni episodi che riguardano genitori e figli.
Il punto saliente di questi fatti è quasi lo stesso e può essere così riassunto:
i ragazzi fanno qualcosa di sbagliato, a volte anche illegale –ad esempio: imbrattare i muri altrui con schizzi di vernice affermando che è una nuova forma d’arte ne– e i loro genitori risolvono personalmente il problema per proteggere i propri figli – lavando loro stessi i muri per riparare il danno, sempre per esempio.
Questo è solo un sintomo della terribile malattia che sta infettando la nostra società. Sfortunatamente poiché non è possibile vedere chiaramente le conseguenze di comportamenti tali, ma solo percepirle, sembra che siano solo poche le persone capiscano il pericolo che stiamo affrontando e spesso questi sfortunate persone vengono per di più derisi e trattati come una moderna Cassandra.
Questo virus può essere descritto come “mancanza di autorità”. I genitori preferiscono declinare i loro doveri e i loro diritti e inchinarsi davanti al forte desiderio dei loro bambini.
Si comportano come se ogni cosa che provi a ostacolare i desideri dei loro figli possa essere visto come un tentativo di attacco al loro bene. Non devono essere danneggiati in nessun modo da niente che vada contro i loro desideri, i loro piaceri.
Sporcano il muro di una casa o di un monumento? Stavano soltanto cercando un po’ di divertimento, “son ragazzi” perché prendersela con loro?
I genitori sembrano così ciechi da avere perso ogni capacità di ragionamento.
Perché succede tutto ciò?
Non abbiamo risposte, né siamo in grado di rispondere a chi chiede cosa dobbiamo fare.
Questo post è una specie di richiesta o di supplica: cosa possiamo fare per combattere questa infezione?
Crediamo fortemente che non è più sufficiente provare a gestire questo problema in famiglia: siamo chiamati dall’amore affinché la società faccia qualcosa, agisca subito. Ma… come?
Siete così gentili da condividere con noi i vostri suggerimenti e i vostri pensieri in merito?
Saranno più benvenuti che mai.



English version




We are puzzled and interested by several articles published by Italian newspapers and magazine about facts that pertains to kids and their parents.
The core of these facts is almost the same and can be summarized this way:
Kids did something wrong, sometime even illegal –smudging walls with paints claiming this is a new form of art as an example- and their parents solve the problem personally to protect their children –personally washing the walls to remove the patch, as an example.
This is just a symptom of a dreadful disease that is infecting our society. Unfortunately since it’s not possible to clearly see the consequences of such behaviors, but just perceive them, it seems that only few people are aware of the dangers we are facing and those unlucky people are often mocked and treated like a modern Cassandra.
The virus can be described as a “authorityless” or lack of authority. Parents prefer to decline their duty and their right too and bow in front of the strong desire of their kids.
They are acting as anything that can deflect from their kids’ desire could be described as a major attempt against their good. They should not be harmed in any way by anything going again their will, their pleasure.
They soiled a house wall or a monument? They were only trying to have some fun, they are kids so why bother them?
Parents seems so blind to have lost all the capability of reasoning.
Now, why that happened?
We do not have answers, and neither we can answer to what we have to do.
This post is a sort of pleading: what could we do to fight this infection?
We do strongly believe that it’s no more enough to try to handle this problem in our family: we are called by the love for the society to do something, to act promptly. But…. how?
Could you be so kind to share with us your suggestions and thoughts?
They will be more welcomed than ever.

3 commenti:

Paolo Pugni ha detto...

Copio il commento di Claudia Manfredini apparso sulla pagina Facebook Genitori e Figli a confronto (https://www.facebook.com/groups/111359115608300/?id=172313039512907&notif_t=group_activity) che trovo molto intelligente e utile. Grazie Claudia!
"vero. genitori ostaggio di quello presumono sia la felicità dei figli. Quante volte davanti a un comportamento sbagliato, mamma e papà assolvono i figli dicendo "ero così anch'io.." ? Partirei da quello: i figli somigliano a noi, per questo li assolviamo; assolvendo loro assolviamo noi stessi. Abbiamo bisogno di conferme, di sentirci dire che stiamo facendo un buon lavoro: così i nostri figli diventano i primi della classe anche se non è vero, e campioni sportivi a tutti i costi, anche se non sono portati. Ci nascondiamo dietro ciò che raccontiamo di loro per insabbiare la nostra inadeguatezza".

Rossella - Casa Lellella ha detto...

hai ragione!
troppe volte i genitori sono succubi dei figli.
perché?
si potrebbe dire perchè si sentono in colpa, passando poco tempo con loro, perché dire sì è più facile, per non traumatizzarli...
ma io credo che si faccia per pigrizia. siamo troppo presi da tutto e tutti che preferiamo risolvere noi i loro problemi piuttosto che instaurare una logorante discussione con annessi strascichi con loro.
ma questo cosa porterà? a una società di bambascioni? forse.
e di chi sarà la colpa?

a presto

Paolo Pugni ha detto...

sono terrorizzato da dove può finire questa società....