Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
martedì 29 marzo 2011

Raising CeoKids - Sviluppare il talento dei ragazzi








Prossimo post Next post
 Saturday/sabato April 2nd
Scroll down for English version 









Tra i più curiosi e affascinanti siti connessi con l’educazione merita un posto speciale quello di Sarah Cook, una intraprendente mamma di tra ragazzi, che tramite il suo RaisingCeoKids, come a dire “far crescere ragazzi presidenti” intende sostenere e promuovere la pro attività e il talento dei figli, fin dalla tenera età.


Per farci raccontare come è nata questa idea e che cosa può offrire come contributo, ho intervistato Sarah che mi ha fatto dono di un video, come risposta. Lo trovate qui sotto in versione originale inglese. Questa è la sua trascrizione.
Vi lascio con Sarah.

Buongiorno sono Sarah cofondatrice di Raising CEO Kids (RCK), oggi rispondo alle domande di Paolo, che mi arrivano direttamente dall’Italia,
mi rende orgogliosa il constatare che il messaggio di RCK si sta diffondendo nel mondo.
La prima domanda è a proposito del nostro inizio:
abbiamo iniziato 6 anni fa con mio figlio che allora aveva 8 anni, voleva cominciare a vendere su ebay e fece un sacco di ricerche al riguardo. Noi come genitori  eravamo un po’ preoccupati  e quindi abbiamo atteso qualche anno.
Quando ha compiuto 10 anni ha cominciato di fatto a vendere su ebay, il suo margine di profitto era fenomenale e ha imparato molto a proposito di tecnologia e customer service. A 12 anni ha cominciato a riparare computer, sia virtualmente dalla sua camera che materialmente. Adesso che ha 14 anni continua questa attività e ha costituito una rete di persone che lo aiutano a fare video editing.
All’inizio io e mio marito non sapevamo come aiutarlo per le questioni legali e finanziarie, come per esempio se dovesse pagare le tasse. Questi argomenti per noi erano un mistero, ma volevamo aiutarlo a crearsi un business che gli permettesse di guadagnare. Cercavamo le risposte alle nostre domande e ci è venuta l’idea di mettere tutto questo a disposizione di altre famiglie che avessero le stesse esigenze.

Quando avete avviato il sito RCK?
RCK il nostro sito internet è nato circa un anno fa e da allora è cambiato molto, qui potrete trovare interviste ai bambini e ai loro genitori, il parere di esperti, c’è la possibilità di fare direttamente le domande agli esperti e molto altro.

Qual è la mission di RCK?
La mission di RCK è quella di supportare non solo la famiglia, ma anche i bambini della famiglia,

Quale consiglio daresti alle famiglie?
Il miglior consiglio che posso dare alle famiglie è quello di aiutare i figli a scoprire la loro passione e i loro talenti; di indirizzarli  quindi a trasformare la loro passione e le loro capacità in profitto. Credo fermamente che quando si riesce a far capire ad un bimbo che lavorare può essere divertente e redditizio allo stesso tempo, manterrà questo atteggiamento anche da adulto e lo trasmetterà a chi gli sta vicino.
Il consiglio più utile è quindi di scoprire cosa i vostri figli sanno fare bene e trovare il modo di rendere proficua questa loro attitudine.

Quali sono gli argomenti che i genitori cercano in RCK?
Il più discusso spiega come utilizzare le esperienze quotidiane per insegnare ai bambini qualcosa del mondo finanziario, il concetto di leadership e come essere buoni cittadini.
Un altro degli argomenti molto commentati è quello sull’opportunità che i bambini stiano in cucina. E come stare in cucina, e tutti gli altri momenti di vita quotidiana, diano ai figli modo di  imparare “lifeskills” che gli saranno utili nel mondo del lavoro . Quindi guardatevi intorno, pensate a ciò che fate tutti i giorni in famiglia e cercate di introdurre argomenti di conversazione che riguardino la finanza e il mondo del lavoro.

Tre suggerimenti per crescere un figlio come un CEO.
• Capire quali sono le attitudini di vostro figlio e capire come trasformarle in occasioni di profitto.
• Di fronte alle richieste di acquisto per esempio di un giocattolo, non dire semplicemente di no, ma piuttosto:”Come posso aiutarti a perché tu riesca a comperarlo da solo?”.
• Non è una buona cosa rispondere che non possiamo permetterci l’acquisto, è molto più educativo spiegare al figlio che se comincia a guadagnare qualcosa ogni giorno , poi potrà comperarsi quello che desidera.

Dove si possono trovare informazioni a proposito di RCK?
Potete trovare tutte le informazioni sul nostro sito internet  oppure su twitter. Abbiamo anche un canale su youtube:  e potete mandarci una mail con le vostre domande a support@raisingceokids.com .


English version


One of the most fascinating and interesting website I met surfing the net for parenting pages, is the one founded by Sarah Cook, a charming lady who intends to support families in nurturing the talents and entrepreneurship of their kids, from the very beginning.
So I ask her to be interviewed and I got back this special gift: a video answer, that I pleased to share with you.
So let’s listen to Sarah while she explain us how can we be RaisingCeoKids.













11 commenti:

Monica ha detto...

Buongiorno,

l'intervista, di per sè, è carina e interessante. Fa riflettere sicuramente!

Mi rende un po' perplessa la parte iniziale sul "sostenere e promuovere la proattività e il talento dei figli, fin dalla tenera età" allo scopo di crearne un piccolo CEO capace di "guadagnare", così come il primo suggerimento dato.
Forse non c'è il rischio di adultizzarli troppo, troppo presto e disincantarli precocemente?
Concordo invece con gli altri due suggerimenti forniti che, al di là dell'argomento principale, costituiscono un vero e proprio motivo di riflessione e spunto educativo.
Grazie
Monica

Adwice ha detto...

Here the translation of Monica's post (grazie Monica!) waiting for Sarah's answer:

while I like very much the interview, which I found interesting and stimulating, I'm puzzled and worried about the idea to foster the proactivity of the kid from the very beginning to model her/him in a small CEO able to earn money. Is not there the risk to take a too short cut and treat her/him like the adult she/he is not? Is there not the risk to disenchant her/him too earlier?

Now Sarah it's up to you!

Sarah ha detto...

Hi Monica -
If the parent is PUSHING their kids and forcing the parents dreams on the kids then, yes there is a very big risk in having them miss childhood and having them get disenchanted with business.

We started Raising CEO Kids NOT because we wanted to force our push our kids into business, but as a response to my oldest son asking for many months that he be able to start a computer business and sell things on eBay. He was the one that was pushing us to let him begin. My other two children followed right after him asking to start business.

When you FOLLOW the child's lead on getting started in business and give them plenty of opportunities to make their own choices about the business as well as make sure that the business is about what they love, they will find joy in their business and in life.

The children that LOVE their businesses feel like it is play rather than hard work.

Sarah, http://RaisingCEOKids.com

Adwice ha detto...

se c'è bisogno che traduca in Italiano, lasciatemelo detto che procedo immediatamente. Paolo

Monica ha detto...

No, graie, tutto chiaro!

Monica ha detto...

Hi Sarah,

everything's clear about what you explained!

Anyway, it's hard, very very difficult for me, to think about kids in business, as little CEO. This seams to me like forcing them and oppisite to childhood.

Maybe it's my problem and you are right at all!
:-)

Corie ha detto...

Confesso che leggendo l'intervista mi sono chiesta come varei reagito io ad una richiesta di mio figlio di 8 o 10 anni di voler vendere su e-bay. Io che mi chiedo ancora a che età é giusto che i figli inizino a utilizzare Internet.

E mi sono risposta che se i miei genitori non avessero lasciato fare mio fratello, adesso non sarebbe il genio programmatore che é, e se questa famiglia non avesse avuto fiducia, ma solo paura (come ne ho io) avrebbe tolto qualcosa a questo figlio.

Detto questo, concordo con Monica: mettere le cose sul piano del profitto mi sembra un po' prematuro per dei dodicenni.

Adwice ha detto...

Grazie per questi interessanti commenti. Thanks for your comments!

Monica ha detto...

Corie, in effetti, riflettendo sul tuo commento,anche i miei genitori hanno lasciato, ad ognuno di noi fratelli, sin da adolescenti, la possibilità di scegliere, sperimentare e portare avanti ciò in cui credevamo. Ovviamente tra mille dubbi e perplessità, tra paure ed esitazioni. Tra incertezze di vario genere.
Oggi siamo quel che siamo, nel bene e nel male, grazie anche a loro, senza troppi rimpianti nè rinfacci.
Però parlare di profitto...certo anche a me pare un po' prestino!

Sarah ha detto...

Monica - CEO stands for Creating Excellent Opportunities. We aim to raise business minded kids so that they can create income and support themselves doing things they love. Many of them will never be CEOs but they will learn how to take care of themselves and make great financial choices.

Adwice ha detto...

Monica & Corie, I won't be so cautious about profit: actually it's earning more that little capitalism. Learning that there are consequences of what you do and that you need to strive and work hard to get results, to eart chances, and why not earn money, that can be used in several ways. But that is a different lesson, a different subject.
I do not see reasons for concerns. And I invite you to consider that different cultures and environments: yes, they are not so different, but some differences should be considered. Elena could help us to understand.
I do appreciate the idea of teaching "on the job" to understand the value of money, work, earning, financial choices.
And I thank you all for your comments.