Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
martedì 5 luglio 2011

Self-phoning others - Cellularizzare gli altri




Scroll down for English version - thanks! 
Prossimo post/next post  Venerdì/Friday  July 8th




In un recente articolo apparso sul Corriere della Sera, l’autore ha fatto notare una sfortunata abitudine molto comune nel nostro paese: l’abuso del telefonino, in qualsiasi circostanza e situazione.  E solitamente è utilizzato per lo più in maniera aggressiva e intrusiva.
L’autore sostiene che il conflitto evidenziato da questa scortesia coinvolga la privacy e la libertà di esprimere se stessi.
La mia opinione è molto più severa: è questione di egoismo.
Siamo stati impregnati dall’idea che siamo NOI il centro dell’universo. O sarebbe meglio dire: non NOI ma IO.
Quindi tutti dovrebbero mettersi nei miei panni.
Non è la libertà il più alto scopo della vita? Quindi? Non posso essere libero di parlare quando e come voglio io?
Perché la mia libertà dovrebbe essere meno importante della tua?
Questo in realtà è solo il ramo di un albero di cui le radici sono molto lontane nell’educazione.
Se non insegniamo che siamo tutti parte della stessa famiglia, la famiglia degli esseri umani o dei figli di Dio se credete, sarà difficile che ci sia qualcuno disposto ad abbassare la sua voce mentre grida nel cellulare.
Voi cosa ne pensate?











English version


In a recent article posted on the webside of the Italian newspaper Corriere della Sera  the author pointed out a unfortunately very common habit in our country: the abuse of self phone in any situation. And usually done in a very aggressive and intrusive way.
The author claims that the conflict highlighted by this rudeness involves privacy and freedom of self-expression.
My opinion is much more severe: it’s a question of selfishness.
We have been soaked with the notion that we are the center of the universe. Better to say: not WE just ME.
So everyone should fit to what I want.
Is not freedom the highest goal in life? So what? Cannot I be free to talk when and how I want?
Why should be my freedom less important then yours?
So what we have here is just one branch of a tree whose roots lies far away in education.
If we do not teach that we are just part of a family, the family of human being or of the sons of God if you believe, it will be difficult to have someone lower her/his voice while shouting in her/his self phone.
What do you think?






0 commenti: