Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
lunedì 11 luglio 2011

Ancora immaturi? - Still teenagers?




Scroll down for English version - thanks! 
Prossimo post/next post  Mercoledì/Wednesday  July 13th





Il film che non ti immagini. Lo guardi per svago mentre stai attraversando l’oceano e ci trovi le risposte che cercavi, i suggerimenti che non ti aspetti. E quindi una doppia lezione. Per accompagnare il pranzo nel viaggio verso Toronto decido di guardare uno di quei film che ritieni una commediola insipida e vuota, il classico film italiano un po’ becero e banale. E invece no, scopri una pellicola che non sarà un capolavoro, che neanche puoi condividere per intera, ma che contiene tanti spunti interessanti e commoventi e che vale la pena consigliare. Il titolo? Immaturi, con un cast di bravi attori italiani. La trama è fragile e inverosimile e cavalca il più diffuso e doloro incubo italiano: dover rifare l’esame di maturità per una bega amministrativa. Vent’anni dopo. Chi non ha mai sognato, con orrore, di doversi ripresentare davanti alla commissione alzi la mano e lo scriva. Nessuno comunque gli crederà.
Questo è il pretesto per rivedere insieme una manciata di amici vent’anni dopo e scoprire che cosa è successo delle loro vite.
Ok, ma che cosa c’entra con noi? E con questo blog?
C’entra perché il film mette al centro delle storie il più frequente vizio credo globale non solo nazionale. La paura di crescere e la voglia di rimanere sempre adolescenti. Che è come dire lo sforzo per rifiutarsi di assumere le responsabilità che la vita ci vuole addossare.
Perché puoi essere uno stimato psichiatra, uno chef rinomato, un marketing manager di successo ed essere ancora un adulti immaturo. Appunto come il titolo del film. Un adolescente protratto.
E che cosa ci pone maggiormente di fronte alla vere e profonde responsabilità della vita se non l’amore? Qualunque tipo di amore: per un figlio che sta per arrivare, per l’eterna fidanzata, per genitori assillanti.
Sì, è davanti all’amore che scopriamo realmente se siamo cresciuti o se siamo ancora infantilmente legati al nostro egoismo.
Siamo convinti che l’amore richieda, o ancora di più implichi, stabilità e fermezza e imponga l’abbandono totale dell’egoismo. Altrimenti non è amore. Chiamiamolo in modo diverso. Amare è un verbo che contiene in sé il senso dello sforzo e della fatica, anche del dolore a volte, ma che si spalanca sulla gioia. Ed è, come dice uno dei personaggi, molto diverso dal sesso.
E la seconda lezione appresa? Che se hai lo sguardo giusto, limpido, aperto, puoi realmente trovare spunti e suggerimenti, magari che ti aiutano a risolvere i problemi che stai affrontando il quel momento, in ogni situazione e in ogni cosa.  Anche in una commedia italiana.




English version





Life is weird, sometime you find clues and help where you had never though you could. And therefore you can learn several lessons. I was flying over the ocean, headed to Toronto, and while having lunch I chose to watch what I considered a silly Italian movie, one of those comedy that does not provide a hint even if you squeeze them thoroughly. And I discovered a mine. Won’t say a masterpiece, but a movie rich with clues and meanings. The story is unreliable but funny. It is based on the most common and painful nightmare: due to a administration mistake the exam at the end of the high school is not valid and you have to go through it again. Twenty years later.  
This is the pretext to see a bunch of friends gather again and share their life.
And here you find them, depicted with both cruelty and tenderness. With their limits and their strengths. Some of their weakness will be overcome thanks to the a re-discovered friendship.
What is in for us? A sharp description of the more diffused present illness: the desire to remain teens forever. To avoid the responsibility that life wants to charge you with.
Because you can be a respected physiatrist or a well know chef or a successful marketing manager  and still be an un-grown adult. An old teen.
And what puts you in front of your more profound responsibility but love?
Yes, is in front of the request that love ask you that you truly discover if you are grown up or you are still a childish person. Any kind of love.
We do believe that love requires, even more implies stability and firmness and imposes to move away from selfishness. Because love is a verb that contains in is meaning efforts and pain. And because, as one of the characters says, love is different from sex. Very different.
And the second lesson I learnt is that you can find out answers or at least provocations everywhere, if you make the effort to look with open eyes.









0 commenti: