Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
domenica 27 gennaio 2013

The authenticity of the shopping list - L'eticità della lista della spesa



To reach the Italian version: scroll down - 
La versione italiana del post si trova qui sotto: scorrere in basso per trovarla grazie





Is there some ethics in a shopping list? Or this is just a joke, a surprising title to raise your attention but in the end leaving you with a bitter taste and nothing in your hands? Not really. This article –if you understand Italian you can read it here- written by Errico Buonanno points out the ethic relevance of writing down a shopping list and sticking to it when visiting a mart or a mall. To avoid that apparently free of consequence move that push you to take something you do not really need from the shelf and drop it in your cart just because you felt in love with the package or you have been overwhelmed by the desire to possess it.
The suggestion the author gives us is to stop and sit down and check what we really need, so to fill a detailed shopping list –by writing it down or using a smart app like Buy me a pie for instance- just of what you really need. That seems to be a good hint to re-discover the important of thinking and avoid acting impulsively: and we all know how is nowadays critical to base our decision on a rational analysis instead of on emotional or instinctive passions. 
So this simple clue is actually a strong suggestion to get back to virtues as fundaments of our life.


Versione Italiana




L’eticità della lista della spesa: sembra una sciocchezza, lo so. Una di quelle affermazioni che sono fatte per stupire ma che sono prive di succo, che lasciano senza soddisfazione. E invece no. In questo articolo di Errico Buonanno, (@ErricoBuonanno) apparso sul blog 27esimaora del CorSera, dove spesso si trovano interessanti spunti, mette in luce come la lista della spesa, che sia ancora redatta in forma cartacea o grazie a nuove spettacolari app come ad esempio Buy me a pie, che noi usiamo a casa, ha una forte valenza etica. Perché ci costringe a riflettere sul concetto di bisogno, e ci aiuta a fermarci un attimo prima di farci cogliere da quel gesto che senza apparenti conseguenze aggrava l’animo nostro con consumismo e voracità: prendere dallo scaffale un bene di cui non abbiamo necessità e deporlo nel carrello solo perché ci attira e stuzzica. Ecco che cosa scrive l’autore a quetso proposito: “La spesa ci parla di noi e, senza paura di strafare, possiamo dire che i consumi rappresentano forse un consumo più alto: quello dei giorni, il nostro rapporto con la vita e il futuro. Perché la lista è molto pratica, ma ha un unico scopo, da sempre, di qualsiasi tipo essa sia: contenere e racchiudere, ovvero combattere l’infinità dell’universo, dei desideri e delle voglie dell’uomo.
Scopo contrario a quello del supermercato, cioè, come sa bene chiunque frequenti questo tempio moderno dell’incontenibilità e della voglia”.

A voler guardare bene questo articolo quindi, si tratta di un pezzo che esalta le virtù, sobrietà e non solo, per ridare alla vita un senso che si fa profondo, che parte dal ragionamento (e quanto ce ne sia bisogno di recuperare l’importanza di non essere spontanei, immediati, ma riflessivi e consapevoli lo sappiamo tutti) e che mette tutto al vaglio di valori sui quali costruire la vita. I miei li trovate qui ad esempio.

E voi che cosa ne pensate?

0 commenti: