Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
domenica 23 dicembre 2012

La rabbia delle mamme - Moms' anger


Italian version: scroll down - Versione Italiana qui sotto

Where does this violence come from?  How moms feel the need to fight like lions or bears for their cubs? Why, especially on the web, they are shouting against everythig and everyone who seems to jeopardize the wellness of their kids? Why they want to prevent their babies –from 0 to 50 years old- from being exposed to life?
Is it possible that life does not hurt? Does an happy ending, happy starting and happy going on life really exist? If not, why moms seems not interested to train their kids to face hurdles, and issues and challenges?
Why they seems unable to rationalize and seems focused only in protecting their kids and keep them in their shelter all life long?
And where are fathers in this scenario? Whose role are they playing? Why are they flight away?


Da dove viene questa paura spropositata? Questa difesa dei propri cuccioli che sa di animale? Le mamme in rete spesso sono più feroci di una leonessa: difendono i propri figli con una violenza del tutto irrazionale che atterrisce. Incapaci di leggere la realtà, giudicano il mondo con l’ottica dei propri figli, che ovviamente sono i migliori del mondo e le vittime della società. Nessuno, se non la mamma, li capisce e nessuno li valorizza.  Nessuno li conosce meglio di loro e sa che cosa realmente è e fa il loro bene.
Li vogliono tenere lontani dalla vita, avvolti nel loro manto fatato che li difende dalla sofferenza, dal dolore. Non si rendono conto che la vita non è buonista, e che presenta spigoli, tagli, sconfitte. Perché non allenarli a prendere colpi e rialzarsi più forti di prima?
Quando abbiamo perso la comprensione che la sofferenza è la prima tappa sulla strada della crescita e della felicità?
E che fine hanno fatto i padri? Dove sono finiti? Dove sono scappati?

0 commenti: