Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
lunedì 16 luglio 2012

BrainInsight nurturing kids' brain - Lo sviluppo della razionalità negli infanti

Il testo italiano è qui sotto: scendere per trovarlo grazie


BrainInsight: from conception to adulthood 






Deborah McNelis is the inspirer of the BrainInsight approach, a way to develop our kids. The methodology is also offered through BrainInsight blog, twitter and the FaceBook page.  I asked Deborah to answer some questions to help us understand what this approach is and which are the benefits for the kids and their parents. Her answers will be published in two different post today and on July 19th.
Which is the goal of your organization?
It is a great pleasure to share the goals of Brain Insights. Your invitation to do this interview is very much appreciated since this is a topic in which I love to talk about.
The reason I started Brain Insights is due my passion to make early childhood brain development common knowledge. As I explain to audiences when doing brain presentations across the country, my goal is only to reach… EVERYONE!
During my first year of college I became extremely inspired to learn everything I could to help children develop in the most healthy and beneficial ways. A few years later scientific information started coming out to provide more understanding than ever before. I of course became very enthused about the difference this information this would make for children. But, then became aware that even though we now had access to this incredible knowledge, it was still not known by the majority of adults.
So I decided to change this and created, Brain Insights. The specialty of Brain Insights is to give insights into how the brain develops through very simple, inspiring and easy to understand presentations and materials. I created, The Brain Development Series. This is an innovative series of “brain development activity packets” designed to help busy parents and care-givers interact with infants and young children to provide both the stimulation and nurturing their growing brains need. It is thrilling to say, these are selling worldwide and parents and grandparents love them.
There is a range of activity card packets with simple age-specific activity ideas that help parents connect with their children and provide learning. The suggestions are designed to fit in with busy everyday life and also explain the reasoning behind the activity. This allows parents to get their own tasks completed and relieve guilt through spending fun, quality time together. They are perfect for busy caring parents and early care professionals. They are currently available in English and Spanish.

It is my strong belief that every child has great potential that can be reached when we all have a comprehension of how children's brains develop. I so love connecting with people all over the world who care about children.  It is wonderful to now connect with you and your followers to share this.

Which are the scientific foundations on which your activity is built?

It is exciting that advances in technology have provided the awareness that not only does the brain grow prenatally, but brain research also informs us that a great amount of development happens in the pre-school years. It is critical then to realize that 90% of a child’s brain develops from conception to age five.

But, even more important and exhilarating, is to have the data to demonstrate what best contributes to the healthiest development during this significant time and that it has a long lasting impact throughout life.

This provides us with an extraordinary opportunity. This allows for us to positively contribute to the potential of all children.  Because it is experience that primarily influences the wiring in a developing brain.

The brain is “experience dependent”. It has to have experiences to develop. For example, after eight months of experiences, an infant may already have 1,000 trillion connections created. Because the brain adapts to the environment it is exposed to, it will make connections based on either repeated negative experiences or repeated positive experiences. So, all adults to do what we can to ensure the experiences influencing a growing brain are primarily positive.
How can parents help their children to better develop their brain?
The first thing I believe is most important is to have a clear understanding of the impact experiences, relationships and nutrition directly have on a growing brain.
For parents to have a positive influence on the most healthy brain development, the following are critical: 
1.             A nurturing, responsive, predictable and secure relationship with a primary caregiver. A loving, consistent and attuned parent or caregiver will create brain wiring in the first 18 months that will influence relationships and learning throughout life.

2.             Healthy nutrition beginning prenatally and continuing throughout childhood is essential. Ensuring a child’s brain has the nutrients it needs to function is critical to sleep, learning, and moods. Especially a breakfast that includes protein contributes greatly to better attention spans, memory, problem solving and behavior.

3.             Opportunities to safely play and explore using all of the senses. This is how the brain learns and makes the strongest connections. TV and DVD’s do not provide the interaction with real objects and people that the brain needs to learn about the world. Imaginative play enhances the highest thinking areas of the brain.

4.             Adequate amounts of sleep. All brains need enough sleep, but it is even more essential for developing brains. Sleep deprivation makes it more difficult for the brain to function optimally.

5.             Regular routines, limits and predictability. The brain feels comfortable when it knows what to expect. This reduces stress. The brain does not like chaos.

6.             Talking with the child from birth. Since the brain is experience dependent, it needs to hear language to be able to develop this skill. Direct face to face language gives the child the chance to learn all aspects of communication. Reading to children enhances many brain connections.

7.             Lots of opportunities for physical activity. The brain functions best after having the chance to move and use large muscles. Rough and tumble play has been shown to advance brain connections in the thinking areas of the brain.

8.             Time spent outdoors. It is optimal to ensure children’s brains spend time in nature. Nature relieves stress for the brain and also provides a wealth of learning experiences.

Do you believe there are differences between female and male brain and therefore different way to support their development?
There is quite a bit of research that indicates some differences between a male and female brain. And it is interesting and important to be aware of those differences when helping children learn and aiding in their development.
It is necessary to realize that these are very general, however. Not all females have the same brain development and not all males have the same brain development. In fact, EVERY brain is completely different.
Sometimes it is thought that girls mature at a faster rate than boys. However, research shows that for many this is true in the development of language abilities, but many boys develop spatial relationship abilities much sooner than most girls do.
Another area that is important to consider, is that frequently boys brains are encouraging them to move and not sit still more than a girls brain might. It may be more difficult for some boys to sit, listen and not fidget.

(to be continued)



Testo italiano


Deborah McNelis è la fondatrice dell’approccio BrainInsight un modo per sviluppare rapidamente e sistematicamente le capacità intellettive dei bambini. Deborah e il suo team condividono le loro idee e suggerimenti con un blog. BrainInsight blog, e sono presenti su twitter e su  FaceBook
Ho chiesto a Deborah di illustrarci nel dettaglio questa metodologia ponendole domande precise. Le sue risposte vengono pubblicate in due post sequenziali, il secondo dei quali verrà reso disponibile il 19 luglio.
È opportuno notare che un approccio simile, basato sulla teoria della educazione tempestiva, è attuato in Italia dalle scuole del sistema Faes, ad esempio nella scuola dell’infanzia Aurora di Milano, così come in analoghe strutture a Verona, Bologna, Roma e Palermo.
La versione italiana è una sintesi del testo inglese dell’intervista.
Qual è Deborah lo scopo della tua organizzazione?
La ragione per cui ho dato vita a BrainInsight è la passione per diffondere la notizia che lo sviluppo del cervello in età infantile è una realtà concreta e una grande opportunità da non perdere.
La specificità del mio metodo consiste nel rendere semplice e facilmente applicabile la strada per sviluppare le capacità cognitive e razionali. Per questo ho creato la serie di libri The Brain Development disponibile per ora in inglese e spagnolo, che forniscono consigli immediatamente spendibili per lo sviluppo del cervello. Si tratta di mazzi di carte di attività che permettono ai genitori di svolgere un piano preciso d’azione.
Quali sono i fondamenti scientifici di questa metodologia?
È importante sapere che gli sviluppi tecnologici hanno fornito evidenza che il cervello non si sviluppa solo nella fase prenatale, ma anche nella fase prescolastica. Si può con certezza affermare che il 90% dello sviluppo cerebrale avviene dal concepimento all’età di 5 anni.
È ancora più importante sapere che cosa più di altro facilita lo sviluppo durante questo periodo e favorisce un impatto positivo e sano che durerà per tutta la vita, offrendoci così una grande opportunità di dare un grande sostegno ai nostri figli. È infatti certo che è l’esperienza ciò che genera le connessioni cerebrali e sviluppa le capacità razionali. Il cervello è “esperienza-dipendente”: si nutre di esperienze per crescere. Ad esempio dopo 8 soli mesi di esperienze stimolanti un infante può aver già sviluppato oltre 1.00 trilioni di connessioni attraverso esperienze positive e negative dalle quali ha appreso: a noi genitori ed educatori il compito di creare queste esperienze per facilitare lo sviluppo del cervello.
Come possono i genitori facilitare questo processo?
Innanzitutto direi avendo una chiara consapevolezza dell’impatto di esperienze, relazioni e nutrizione nello sviluppo.
Suggerisco di tenere in grande considerazione questi 8 punti
1.     Avvolgere il bambino con una relazione sicura, prevedibile (cioè stabile) e stimolante. Un genitore che sa amare e mostra profondo affetto e cura al piccolo è un prerequisito indispensabile per lo sviluppo cerebrale corretto e influenzerà il modo con cui il figlio tesserà relazioni e apprenderà durante tutta la sua vita.
2.     Una alimentazione sana che inizia nella fase di gestazione e prosegue per tutta l’infanzia è un altro fattore chiave.
3.     L’opportunità di giocare in modo sicuro e di esplorare il mondo con tutti i sensi, costruita non attraverso TV e DVD, ma attraverso l’interazione con oggetti e persone reali. Il gioco di immaginazione moltiplica lo sviluppo di quelle aree dedicate all’elaborazione del pensiero.
4.     La giusta dose di sonno: negare al bambino le necessarie ore di sonno, tenendolo sveglio fino a tardi, è un grave attentato alla sua capacità di sviluppare il cervello in modo corretto.
5.     Routine regolari, prevedibili e limiti ben chiari: il cervello sta bene quando sa cosa aspettarsi. Così si riduce lo stress che il cervello non ama affatto.
6.     Parlare con i bambini fin dalla nascita: il cervello ha bisogno di comprendere il linguaggio per poter elaborare le esperienze. Parlare direttamente ai neonati permette loro di apprendere tutti gli aspetti della comunicazione, leggere storie ne moltiplica le opportunità.
7.     Molta attività fisica: il cervello funziona meglio quando i grandi muscoli sono in funzione. L’attività motoria è un potente acceleratore dello sviluppo cerebrale.
8.     L’esperienza all’esterno: il tempo trascorso immersi nella natura sono un grande e potente investimento per il cervello del bambino. La natura allevia lo stress e fornisce molte opportunità di esperienze cognitive.
Ritieni che ci siano differenze tra il cervello femminile e quello maschile e quindi esistano differenti modi di facilitarne lo sviluppo?

Ci sono molte ricerche e molti studi che confermano differenze tra il cervello maschile e quello femminile. È importante saperlo per aiutare lo sviluppo.
Ovviamente non è applicabile ad ogni persona, sarebbe meglio affermare che ogni cervello è unico e diverso dagli altri.
Si dice che le ragazze maturino prima dei maschi. È vero ma dobbiamo considerare che ad esempio questo si applica alle capacità linguistiche, mentre invece nel caso della gestione dello spazio è vero che siano i maschi ad avere vantaggi.
Il cervello maschile poi spinge al movimento e all’azione, mentre quello femminile favorisce la quiete: è importante saperlo perché dà ragione dell’attivismo maschile ad esempio a scuola.

(continua)

0 commenti: