Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
domenica 1 settembre 2013

Educare i barbari: impossibile inutile o doveroso?



Ricominciamo da tre. Tre (+1) i mesi senza post, tre domande chiave, tre indicazioni conseguenti. E un articolo da qualche muovere la riflessione. È di Luca Goldoni, dello scorso 20 agosto, è stigmatizza la crescente maleducazione dei piccoli, e dei meno piccoli, esasperata nei luoghi di villeggiatura, specie al mare.

Dilaga il permissivismo, formula di tutto riposo perché legittima il disinteresse con l'alibi della pedagogia. Tutto risale agli anni 60 quando esplode il dibattito sul sì o no alle favole, alle sculacciate, al premio e castigo” 

scrive il giornalista mettendo il dito nella piaga e chiarendo che il più delle volte non si tratta di adesione ad un modello educativo che sembra aver creato solo disastri ed essere rimasto solo nell’immaginario di molte coppie, quello che invita all’assenza di negazioni e regole lasciando lo spontaneismo straripare senza limiti e con molte conseguenze negative. Già da diversi anni il movimento contrario, basato sul buon senso e millenni di esperienza, chiarisce che se vogliamo bene ai nostri figli dobbiamo dire di no.
Ma per farlo bisogna essere decisi e soprattutto coerenti.  Lo spiega benissimo Goldoni “la vera educazione non consiste nelle prediche ma nell'esempio quotidiano, il pupo va in tilt: gli ripetono che non deve dire bugie e poi sente la madre che istruisce la domestica, se telefona l'Angela dille che non sono in casa. Dunque, severità zero, tolleranza mille.”. Alla fine siamo noi che non vogliamo educarci e ci facciamo sconti e per un briciolo di coerenza finiamo per tollerare tutto dai figli trovando sempre giustificazioni ai loro comportamenti sempre meno civili. Li definiamo ingovernabili, quando invece gli incapaci di governarli siamo noi. Certo, la società non ci aiuta, negandoci almeno una buona fetta di strumenti. Se la violenza non è mai una strada, la fermezza a volte impone gesti e toni che facciano capire chi comanda. E non sempre questo è possibile farlo con atteggiamento gandhiano, perché ricordiamoci che l’eroe indiano ha avuto successo perché si scontrava con gli inglesi, colonialisti ma decisamente civili. Si fosse trovato ad affrontare con il suo approccio i nazisti e le SS credo che non oggi sapremmo assolutamente nulla di lui, neanche dove fosse vissuto e morto.

Ecco dunque le tre domande chiave che possiamo farci e che richiedono il vostro contributo

a)    esistono realmente dei bambini ingovernabili?
b)   Qual è il modo più corretto per educare oltre dare l’esempio?
c)    Come esercitare la fortezza e l’autorevolezza in questo 2013?

E i tre consigli che mi sento di dare sono questi

1)   non perdiamoci mai d’animo, costa fatica e stanca da morire, ma ne vale la pena;
2)   nel dubbio diciamo di no, meglio negare piuttosto che cedere. Avremo tempo di cambiare idea se è il caso di farlo;
3)    educare vuol dire preparare i figli per il cammino, non il contrario: e se questo vuol dire insegnare loro ad essere una miscela equilibrata di marines, lord, francescani, gregari non dobbiamo spaventarci.


La mia provocazione l’ho lanciata, ora tocca a voi.