Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Associazione Oeffe

Associazione Oeffe
a servizio della famiglia

Scuole Faes

Scuole Faes
Dove conta la persona

Franca e Paolo Pugni

Franca e Paolo Pugni
Famiglie Felici

Tutti i nostri link

La mia pagina web,

I blog professionali

la vendita referenziata/referral selling,

vendere all’estero low cost & low risk

selling to Italy:,

I blog non professionali

Famiglie felici/italian and english educazione e pedagogia

Per sommi capi: racconto

Il foietton: la business novel a puntate,

Sono ospite del bellissimo blog di Costanza Miriano che parla di famiglia e di…più

Delle gioie e delle pene: della vita di un cinquantenne

Happy Child Zona Gioia: il blog per i piccolissimi (0-3 anni)


Social network

Facebook,

Twitter

Linkedin

Youtube

Viadeo

Xing

Quora,

Friend Feed

Flickr


Post più popolari

Visualizzazioni totali

Search

Caricamento in corso...

Lettori fissi

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner

share this

Powered by Blogger.
lunedì 30 luglio 2012

Costruire la famiglia - Building the family

English post: scroll down to find it thanks



Tre brevi video, beh non brevissimi siamo sinceri, sugli insegnamenti di un santo per costruire la famiglia. Mettetivi calmi, prendetevi il tempo che ci vuole, è a favore della vostra famiglia, e anche a puntate guardatevi questi tre spezzoni.
Che poi ne parliamo...

d



f








English post


I haven't been able to find yet the english version of the previous video, which by the way are spoken in spanish with italian subtitles, so I preferred to share this english video about balancing work and family. Hope you could appreciate it like I did.
Thanks



p


mercoledì 18 luglio 2012

Alla scoperta del cervello infantile: seconda parte - BrainInsight part II


Il testo italiano è qui sotto: scendere per trovarlo grazie


BrainInsight: from conception to adulthood  - parte seconda 



Second part of the interview with Deborah McNelis, the inspirer of the BrainInsight approach, a way to develop our kids. The methodology is also offered through BrainInsight blog, twitterand the FaceBook page.
Whom are you serving with your activity: just families or who else can profit from your job?
Actually the goal I have for brain insights is to reach EVERYONE! It is important for all children that this information becomes common knowledge. We not only need parents, and professionals working directly with children to understand what growing brains need most. We also need community leaders, businesses, politicians, and the general public to realize the positive impact we can all have when we provide all the children require. With the variety of presentations offered, I provide information that demonstrates the difference this understanding will make to any one of these groups.

Dealing with this subject you have also to manage parenting: which do you believe are the main problems and fears of families nowadays?

It is difficult to say the main problems or fears for families because it can vary so greatly for each individual families. Too many families are dealing with the issues of poverty and all that goes along with the inability to provide adequately for their children.
Some families are living in chaotic or unsafe situations. This of course creates a lot of stress and fear. It may be that life is to hectic and over scheduled, or there may be family health or mental health issues. Or many families are dealing with inadequate housing situations.
Numerous families are also dealing with a lot of conflicting information on parenting, which creates great amounts of confusion. For instance how much academics should be taught early or how beneficial is play. This is why I feel so passionate about providing information on the basics of brain research.  I make this information understandable and practical, to relieve some of this confusion for caring parents.

Can you tell us three simple and wise hints to raise an happy family?

This is a great question that I am thrilled to answer. I always try to keep it very simple and basic. There are of course the eight points I mentioned above but to provide three guidelines to keep in mind I would say the following:
Realize how all experiences impact the wiring of your child’s brain, so providing positive experiences and loving relationships throughout everyday is a priority.
Avoid giving praise or your own judgment on a child’s behavior or efforts. It is advantageous to have a child learn to self evaluate rather than depend on the approval of others.
Really tune into your children. Listen, observe and understand from their point of view. And always remember each child is very special and is a unique individual.
I have so enjoyed sharing this with you and those that follow your blog. Interacting and communicating with people that care about children is always welcomed. I would enjoy hearing from any readers.
Thank you for making a positive difference for children and families!
Deborah




Il testo italiano




Ecco la seconda parte dell’intervista a Deborah McNelis, la fondatrice dell’approccio BrainInsight una metodologia per sviluppare rapidamente e sistematicamente le capacità intellettive dei bambini. Deborah e il suo team condividono le loro idee e suggerimenti con un blog. BrainInsight blog, e sono presenti su twitter e su  FaceBook . 
La prima puntata è andata in onda il 16 luglio e la trovate cliccando qui.È opportuno notare che un approccio simile, basato sulla teoria della educazione tempestiva, è attuato in Italia dalle scuole del sistema Faes, ad esempio nella scuola dell’infanzia Aurora di Milano, così come in analoghe strutture a Bologna e Roma.

A chi si rivolge questo servizio: solo alle famiglie o anche ad altri operatori?
Vorrei poter essere utile a tutti. È così importante il fatto che il cervello neonatale possa essere sviluppato rapidamente e correttamente che vorrei proprio che tutti lo sapessero e agissero di conseguenza: non solo genitori ed educatori, ma anche politici, business leader e così via.

Avendo a che fare con questo argomento devi anche avere a che fare con i genitori: quali sono i problemi principali della famiglie oggi?
Difficile dire che cosa le famiglie temono o quali siano i loro problemi perché ce ne sono così tanti e così vari. Certamente la crisi costringe molti ad avere a che fare con la povertà  con l’estrema difficoltà a provvedere ai propri figli.
Alcune famiglie si trovano a vivere in condizioni non sicure o caotiche, cosa che produce molta tensione e paura. Può essere una vita sovraccarica e frenetica, o problemi di tipo mentale o di salute dei figli. Ancora situazioni di problemi abitativi.
Un altro punto chiave è la massa di informazioni, spesso in conflitto le une con le altre, relative all’educazione che si riversano sui genitori, producendo una tragica confusione. Per questo mi piace poter dare un contributo con questi studi sul cercello.

Ci puoi dare tre consigli per aiutare le famiglie a crescere felici?
Bella domanda. Cercherò di dare una risposta semplice e immediata.
Rendersi conto di come ogni esperienza ha un profondo impatto sulle connessioni cerebrali e quindi darsi da fare per produrre esperienza sane e positive e costruire relazioni d’affetto ogni singolo giorno. Credo sia la priorità numero uno.
Aiutare i figli ad auto valutarsi evitando di renderli dipendenti dal vostro giudizio: questo li aiuterà anche a non dipendere dall’approvazione degli altri per decidere del loro agire.
Mettersi davvero all’ascolto dei propri figli: sintonizzarsi con loro. Ascoltare, osservare e comprendere il loro punto di vista. E ricordarsi sempre che ogni bambino è una persona unica irripetibile e speciale.

lunedì 16 luglio 2012

BrainInsight nurturing kids' brain - Lo sviluppo della razionalità negli infanti

Il testo italiano è qui sotto: scendere per trovarlo grazie


BrainInsight: from conception to adulthood 






Deborah McNelis is the inspirer of the BrainInsight approach, a way to develop our kids. The methodology is also offered through BrainInsight blog, twitter and the FaceBook page.  I asked Deborah to answer some questions to help us understand what this approach is and which are the benefits for the kids and their parents. Her answers will be published in two different post today and on July 19th.
Which is the goal of your organization?
It is a great pleasure to share the goals of Brain Insights. Your invitation to do this interview is very much appreciated since this is a topic in which I love to talk about.
The reason I started Brain Insights is due my passion to make early childhood brain development common knowledge. As I explain to audiences when doing brain presentations across the country, my goal is only to reach… EVERYONE!
During my first year of college I became extremely inspired to learn everything I could to help children develop in the most healthy and beneficial ways. A few years later scientific information started coming out to provide more understanding than ever before. I of course became very enthused about the difference this information this would make for children. But, then became aware that even though we now had access to this incredible knowledge, it was still not known by the majority of adults.
So I decided to change this and created, Brain Insights. The specialty of Brain Insights is to give insights into how the brain develops through very simple, inspiring and easy to understand presentations and materials. I created, The Brain Development Series. This is an innovative series of “brain development activity packets” designed to help busy parents and care-givers interact with infants and young children to provide both the stimulation and nurturing their growing brains need. It is thrilling to say, these are selling worldwide and parents and grandparents love them.
There is a range of activity card packets with simple age-specific activity ideas that help parents connect with their children and provide learning. The suggestions are designed to fit in with busy everyday life and also explain the reasoning behind the activity. This allows parents to get their own tasks completed and relieve guilt through spending fun, quality time together. They are perfect for busy caring parents and early care professionals. They are currently available in English and Spanish.

It is my strong belief that every child has great potential that can be reached when we all have a comprehension of how children's brains develop. I so love connecting with people all over the world who care about children.  It is wonderful to now connect with you and your followers to share this.

Which are the scientific foundations on which your activity is built?

It is exciting that advances in technology have provided the awareness that not only does the brain grow prenatally, but brain research also informs us that a great amount of development happens in the pre-school years. It is critical then to realize that 90% of a child’s brain develops from conception to age five.

But, even more important and exhilarating, is to have the data to demonstrate what best contributes to the healthiest development during this significant time and that it has a long lasting impact throughout life.

This provides us with an extraordinary opportunity. This allows for us to positively contribute to the potential of all children.  Because it is experience that primarily influences the wiring in a developing brain.

The brain is “experience dependent”. It has to have experiences to develop. For example, after eight months of experiences, an infant may already have 1,000 trillion connections created. Because the brain adapts to the environment it is exposed to, it will make connections based on either repeated negative experiences or repeated positive experiences. So, all adults to do what we can to ensure the experiences influencing a growing brain are primarily positive.
How can parents help their children to better develop their brain?
The first thing I believe is most important is to have a clear understanding of the impact experiences, relationships and nutrition directly have on a growing brain.
For parents to have a positive influence on the most healthy brain development, the following are critical: 
1.             A nurturing, responsive, predictable and secure relationship with a primary caregiver. A loving, consistent and attuned parent or caregiver will create brain wiring in the first 18 months that will influence relationships and learning throughout life.

2.             Healthy nutrition beginning prenatally and continuing throughout childhood is essential. Ensuring a child’s brain has the nutrients it needs to function is critical to sleep, learning, and moods. Especially a breakfast that includes protein contributes greatly to better attention spans, memory, problem solving and behavior.

3.             Opportunities to safely play and explore using all of the senses. This is how the brain learns and makes the strongest connections. TV and DVD’s do not provide the interaction with real objects and people that the brain needs to learn about the world. Imaginative play enhances the highest thinking areas of the brain.

4.             Adequate amounts of sleep. All brains need enough sleep, but it is even more essential for developing brains. Sleep deprivation makes it more difficult for the brain to function optimally.

5.             Regular routines, limits and predictability. The brain feels comfortable when it knows what to expect. This reduces stress. The brain does not like chaos.

6.             Talking with the child from birth. Since the brain is experience dependent, it needs to hear language to be able to develop this skill. Direct face to face language gives the child the chance to learn all aspects of communication. Reading to children enhances many brain connections.

7.             Lots of opportunities for physical activity. The brain functions best after having the chance to move and use large muscles. Rough and tumble play has been shown to advance brain connections in the thinking areas of the brain.

8.             Time spent outdoors. It is optimal to ensure children’s brains spend time in nature. Nature relieves stress for the brain and also provides a wealth of learning experiences.

Do you believe there are differences between female and male brain and therefore different way to support their development?
There is quite a bit of research that indicates some differences between a male and female brain. And it is interesting and important to be aware of those differences when helping children learn and aiding in their development.
It is necessary to realize that these are very general, however. Not all females have the same brain development and not all males have the same brain development. In fact, EVERY brain is completely different.
Sometimes it is thought that girls mature at a faster rate than boys. However, research shows that for many this is true in the development of language abilities, but many boys develop spatial relationship abilities much sooner than most girls do.
Another area that is important to consider, is that frequently boys brains are encouraging them to move and not sit still more than a girls brain might. It may be more difficult for some boys to sit, listen and not fidget.

(to be continued)



Testo italiano


Deborah McNelis è la fondatrice dell’approccio BrainInsight un modo per sviluppare rapidamente e sistematicamente le capacità intellettive dei bambini. Deborah e il suo team condividono le loro idee e suggerimenti con un blog. BrainInsight blog, e sono presenti su twitter e su  FaceBook
Ho chiesto a Deborah di illustrarci nel dettaglio questa metodologia ponendole domande precise. Le sue risposte vengono pubblicate in due post sequenziali, il secondo dei quali verrà reso disponibile il 19 luglio.
È opportuno notare che un approccio simile, basato sulla teoria della educazione tempestiva, è attuato in Italia dalle scuole del sistema Faes, ad esempio nella scuola dell’infanzia Aurora di Milano, così come in analoghe strutture a Verona, Bologna, Roma e Palermo.
La versione italiana è una sintesi del testo inglese dell’intervista.
Qual è Deborah lo scopo della tua organizzazione?
La ragione per cui ho dato vita a BrainInsight è la passione per diffondere la notizia che lo sviluppo del cervello in età infantile è una realtà concreta e una grande opportunità da non perdere.
La specificità del mio metodo consiste nel rendere semplice e facilmente applicabile la strada per sviluppare le capacità cognitive e razionali. Per questo ho creato la serie di libri The Brain Development disponibile per ora in inglese e spagnolo, che forniscono consigli immediatamente spendibili per lo sviluppo del cervello. Si tratta di mazzi di carte di attività che permettono ai genitori di svolgere un piano preciso d’azione.
Quali sono i fondamenti scientifici di questa metodologia?
È importante sapere che gli sviluppi tecnologici hanno fornito evidenza che il cervello non si sviluppa solo nella fase prenatale, ma anche nella fase prescolastica. Si può con certezza affermare che il 90% dello sviluppo cerebrale avviene dal concepimento all’età di 5 anni.
È ancora più importante sapere che cosa più di altro facilita lo sviluppo durante questo periodo e favorisce un impatto positivo e sano che durerà per tutta la vita, offrendoci così una grande opportunità di dare un grande sostegno ai nostri figli. È infatti certo che è l’esperienza ciò che genera le connessioni cerebrali e sviluppa le capacità razionali. Il cervello è “esperienza-dipendente”: si nutre di esperienze per crescere. Ad esempio dopo 8 soli mesi di esperienze stimolanti un infante può aver già sviluppato oltre 1.00 trilioni di connessioni attraverso esperienze positive e negative dalle quali ha appreso: a noi genitori ed educatori il compito di creare queste esperienze per facilitare lo sviluppo del cervello.
Come possono i genitori facilitare questo processo?
Innanzitutto direi avendo una chiara consapevolezza dell’impatto di esperienze, relazioni e nutrizione nello sviluppo.
Suggerisco di tenere in grande considerazione questi 8 punti
1.     Avvolgere il bambino con una relazione sicura, prevedibile (cioè stabile) e stimolante. Un genitore che sa amare e mostra profondo affetto e cura al piccolo è un prerequisito indispensabile per lo sviluppo cerebrale corretto e influenzerà il modo con cui il figlio tesserà relazioni e apprenderà durante tutta la sua vita.
2.     Una alimentazione sana che inizia nella fase di gestazione e prosegue per tutta l’infanzia è un altro fattore chiave.
3.     L’opportunità di giocare in modo sicuro e di esplorare il mondo con tutti i sensi, costruita non attraverso TV e DVD, ma attraverso l’interazione con oggetti e persone reali. Il gioco di immaginazione moltiplica lo sviluppo di quelle aree dedicate all’elaborazione del pensiero.
4.     La giusta dose di sonno: negare al bambino le necessarie ore di sonno, tenendolo sveglio fino a tardi, è un grave attentato alla sua capacità di sviluppare il cervello in modo corretto.
5.     Routine regolari, prevedibili e limiti ben chiari: il cervello sta bene quando sa cosa aspettarsi. Così si riduce lo stress che il cervello non ama affatto.
6.     Parlare con i bambini fin dalla nascita: il cervello ha bisogno di comprendere il linguaggio per poter elaborare le esperienze. Parlare direttamente ai neonati permette loro di apprendere tutti gli aspetti della comunicazione, leggere storie ne moltiplica le opportunità.
7.     Molta attività fisica: il cervello funziona meglio quando i grandi muscoli sono in funzione. L’attività motoria è un potente acceleratore dello sviluppo cerebrale.
8.     L’esperienza all’esterno: il tempo trascorso immersi nella natura sono un grande e potente investimento per il cervello del bambino. La natura allevia lo stress e fornisce molte opportunità di esperienze cognitive.
Ritieni che ci siano differenze tra il cervello femminile e quello maschile e quindi esistano differenti modi di facilitarne lo sviluppo?

Ci sono molte ricerche e molti studi che confermano differenze tra il cervello maschile e quello femminile. È importante saperlo per aiutare lo sviluppo.
Ovviamente non è applicabile ad ogni persona, sarebbe meglio affermare che ogni cervello è unico e diverso dagli altri.
Si dice che le ragazze maturino prima dei maschi. È vero ma dobbiamo considerare che ad esempio questo si applica alle capacità linguistiche, mentre invece nel caso della gestione dello spazio è vero che siano i maschi ad avere vantaggi.
Il cervello maschile poi spinge al movimento e all’azione, mentre quello femminile favorisce la quiete: è importante saperlo perché dà ragione dell’attivismo maschile ad esempio a scuola.

(continua)

sabato 14 luglio 2012

Un eroe di papà... seconda parte


Ecco la seconda parte dell’intervista a Sossy Manoukian a proposito del libro da lei tradotto sul rapporto tra padre e figlia.
(qui trovate la prima puntata)

La paternità è sotto attacco: dall’interno e dall’esterno. Da fuori perché tutto sembra congiurare per derubare il padre del suo valore e del suo ruolo, dall’interno perché i padri stessi sembrano aver ormai alzato bandiera bianca e rinunciato a svolgere il loro compito di educatori. E l’affermazione che questo dipenda in gran parte dall’aggressività delle madri che si arrogano la tutela della prole cacciando il marito fuori da questo mondo dorato che lega strettamente mamma e pargoli, pur avendo fondamento onestamente mi sembra più un alibi che una causa prima.
Meg Meeker è una pediatra, oltre che mamma e scrittrice, blogger famosa e autrice di saggi che vanno diritti al punto. Come questo, Papà sei tu il mio eroe recentemente pubblicato in Italia da Ares, che spiega l’importanza delle figura paterna nella crescita delle figlie. Ho chiesto alla traduttrice Sossy Manoukian, di spiegarci il succo di questo testo. Pubblichiamo qui la prima puntata dell’intervista.


Che cosa si aspetta una figlia dal proprio padre?
Si aspetta quelle qualità di cui lei ha bisogno: forza, coraggio, determinazione, fermezza, pragmatismo, razionalità e oggettività, incoraggiamento ma anche limiti e barriere poiché lei può capire il suo valore da quanto il padre la vuole proteggere o le mette limiti.  Voglio anche aggiungere che una figlia ha bisogno di sentirsi unica e importante per suo padre, ma questo non significa permetterle di diventare egocentrica. Il suggerimento che l’autrice rivolge ai padri in questa linea è di aprirle gli orizzonti al di là di sé stessa e dei suoi talenti. Di aiutarla con delicatezza a riconoscere i suoi punti di forza e i suoi limiti. Lasciarla sbagliare. Dimostrarle che non smette di volerle bene anche se sbaglia. Fare in modo che sappia di valere non solo per quello che fa, ma per quello che è. Ma soprattutto cogliere l’opportunità di insegnarle una delle cose più importanti della vita: le persone valgono per ciò che sono, non per ciò che fanno.

Che tipo di reazione ottiene dalle presentazioni che sta effettuando?
Ciò che ottengo o che desidero ottenere è incoraggiare i papà e far prendere loro coscienza del fatto che le figlie hanno bisogno di loro. Lo dice in modo magistrale l’autrice in queste righe:
«Papà, vorrei che ti guardassi con gli occhi di tua figlia. E non solo per il suo bene, ma per il tuo, perché se riuscissi a vederti come ti vede lei, anche per solo dieci minuti, la tua vita non sarà più la stessa. Tua figlia si alza ogni mattina perché ci sei tu. Il centro del suo piccolo mondo sei tu. Amici, parenti, professori, docenti o tutor influiranno su vari livelli, ma non formeranno il suo carattere. Sarai tu a farlo. Perché sei il suo papà. Essere un eroe per tua figlia può sembrarti una cosa di difficoltà spaventosa, ma in realtà può essere davvero facile. Non c’è bisogno di una laurea in psicologia per proteggerla e darle insegnamenti su Dio, sesso e umiltà. Significa semplicemente essere un papà…».

Ci sono papà a questi incontri? come reagiscono?
Si ci sono papà ma anche coppie. Nei papà vedo un’aria di celata soddisfazione e sorpresa soprattutto quando parlo del capitolo: “Cerca di essere l’uomo che lei vorrebbe sposare”! Perché una donna cerca sempre ciò che le è familiare, cerca quello che conosce e nella misura in cui un padre ama la figlia, la rispetta ed è onesto, allo stesso modo riconoscerà queste qualità negli uomini che incontrerà nella sua vita. Inoltre quando parlo loro dei bisogni di una figlia in quanto donna, cercando di tradurre ed esemplificare i due codici: maschile e femminile allora nascono i sorrisi tra il pubblico, perché una figlia si accorge subito quando il papà non la sta ascoltando, ma non avendo ancora fatto il callo, non lo perdona! Oppure quando parlo dell’immenso aiuto che può dare un padre alle figlie per uscire dalla spirale emotiva del vittimismo e passare all’azione e a soluzioni pratiche insegnando a cogliere le sfide, vedo i loro occhi illuminarsi per il compito di insegnare a combattere.

Ci può raccontare un episodio, un suggerimento, un dato del libro che l'ha colpita particolarmente?
Si certo, si tratta del racconto di un papà di una bambina di sei anni che non voleva più andare a scuola perché la maestra trattava male gli alunni e di come lui affronta il problema patteggiando con la moglie che, come tutte le mamme, cerca di togliere la frustrazione alla figlia, mentre il padre coglie l’opportunità di farla crescere. È interessantissimo vedere in questo episodio come agiscono il codice paterno e quello materno e di come la fiducia reciproca col patteggiamento e la complementarietà possono essere elementi indispensabili nell’educazione. Questo racconto si trova nel capitolo “Pragmatismo e determinazione: le tue migliori caratteristiche”. Mi ha commosso vedere come questo papà, nonostante la tenera età di sua figlia di prima elementare, abbia trovato il modo di insegnarle quella famosa preghiera: “Dammi, Signore, la serenità di accettare le cose che non possono cambiare, il coraggio di cambiare ciò che può essere cambiato e la saggezza di distinguere le une dalle altre”. Sono certa che ognuna di noi possa raccontare  con fierezza episodi simili in cui è stata incoraggiata da suo padre a tener duro.

Tre suggerimenti ai papà e tre alle figlie per migliorare il loro rapporto
I miei suggerimenti sono tutti nella linea di rafforzare il legame perché il codice femminile è un codice relazionale e pertanto si costruisce nel fare insieme.
Primo: trascorrere tempo assieme perché gli hobby delle figlie sono sempre quelli dei padri che sono maestri nell’appassionare alle cose più diverse.
Secondo: “resta connesso” nel senso di mantenere e rafforzare la relazione proprio per non farsi sostituire dalle amicizie virtuali.
Terzo: mantenere un momento speciale per lei, nel senso di esclusivo con lei perché alle donne piace molto essere cercata.
Alle figlie mi sento di dire:
Primo: non smettere di chiedere aiuto a tuo padre senza pensare che non ha tempo, perché il suo miglior investimento sei tu.
Secondo: quando devi prendere una decisione rivolgiti a lui perché ha più esperienza di te, poi sarai tu a decidere ma puoi scoprire orizzonti che tu non riesci a vedere.
Terzo: quando ti fa arrabbiare perché ti mette dei limiti, ricordati che lo fa perché sei molto importante per lui.


mercoledì 11 luglio 2012

Quando il papà è un eroe (per le figlie femmine)






La paternità è sotto attacco: dall’interno e dall’esterno. Da fuori perché tutto sembra congiurare per derubare il padre del suo valore e del suo ruolo, dall’interno perché i padri stessi sembrano aver ormai alzato bandiera bianca e rinunciato a svolgere il loro compito di educatori. E l’affermazione che questo dipenda in gran parte dall’aggressività delle madri che si arrogano la tutela della prole cacciando il marito fuori da questo mondo dorato che lega strettamente mamma e pargoli, pur avendo fondamento onestamente mi sembra più un alibi che una causa prima.

Meg Meeker è una pediatra, oltre che mamma e scrittrice, blogger famosa e autrice di saggi che vanno diritti al punto. Come questo, Papà sei tu il mio eroe recentemente pubblicato in Italia da Ares, che spiega l’importanza delle figura paterna nella crescita delle figlie. Ho chiesto alla traduttrice Sossy Manoukian, di spiegarci il succo di questo testo. Pubblichiamo qui la prima puntata dell’intervista.

Ci puoi riassumere in 5 minuti il messaggio del libro?
Il messaggio del libro è far capire in modo accattivante ma senza mezzi termini quanto sia influente la figura del papà per le figlie femmine. L’autrice, madre e pediatra si rivolge ai padri proprio partendo dalla sua esperienza di medico e decide di tracciare una specie di prontuario per aiutare i padri a scoprire il “mistero” delle figlie senza delegare alla madre, che come donna è in grado capire la figlia meglio di lui. Il libro contiene 10 capitoli esortativi in cui l’autrice chiede ad ogni papà di intervenire ricordando loro le qualità di cui noi donne abbiamo bisogno. Cito le sue stesse parole: «Non ho scelto a casaccio attributi di padri: ho osservato e ascoltato le figlie per molti anni e ho sentito quello che dicono di te. Ho parlato a una miriade di padri. Ho letto testi di psichiatria, ricerche scientifiche, riviste di psicologia. L’ho fatto per lavoro. Ma ti dirò che nessun articolo di ricerca, né alcun manuale di patologia né alcuna istruzione può iniziare a cambiare la vita di una ragazza tanto quanto lo faccia in modo radicale una manciata di chiacchiere con suo padre. Niente da fare, poiché dal punto di vista di tua figlia non è mai troppo tardi per rafforzare la relazione con te. Quindi fatti furbo. Tua figlia vuole i tuoi consigli e il tuo sostegno; ha voglia e bisogno di un forte legame con te. E, come sanno tutti i bravi padri, sei tu ad aver bisogno di una relazione profonda con lei. Questo libro ti mostrerà come rafforzare questo legame oppure come ricostruirlo e come sfruttarlo per migliorare la vita di tua figlia e la tua».

Oltre che traduttrice, sei una entusiastica sostenitrice di questo libro, che promuovi con una serie di incontri. Che cosa ti ha fatto innamorare del testo?
Si è vero considero questo libro una bomba di consigli profondamente veri, di riflessioni utili e di storie realmente accadute molto appassionanti nonché commoventi. Inoltre io lo presento in quanto figlia, più che traduttrice, e posso testimoniare quando sia vero il fatto che le nostre convinzioni sono quelle del nostro papà e che le nostre scelte sono sicuramente guidate dalla fiducia paterna. In effetti io ho scelto di studiare lingue e di fare la scuola per Interpreti e Traduttori perché mio padre era convinto che fossi portata per le lingue e la sua fiducia mi è servita da motore. E se è vero il detto che “i libri ti scelgono” questo mio lavoro di traduzione rappresenta un pezzo di puzzle che unisce tante esperienze della mia vita e delle mie diverse attività professionali insieme alla mia condizione di figlia molto somigliante a mio padre.   









Il testo parla del rapporto speciale padre-figlia: perché è così speciale? e lo è davvero?
Si il rapporto col padre è speciale, lascia un imprinting unico. Non è facile spiegare il perché ma penso che sia estremamente legato al nostro codice femminile che è essenzialmente relazionale. Abbiamo bisogno di essere riconosciute, accettate, rassicurate proprio da chi è diverso da noi, paradossalmente è il padre che ci aiuta a costruire la nostra identità femminile. Riprendo le parole così belle dell’invito alla lettura: «le donne hanno bisogno dei loro papà, del loro amore e della loro presenza, della loro fiducia e della loro protezione. Per diventare una donna sicura e capace di scelte libere, la bambina ha bisogno infatti di crescere sotto lo sguardo di suo padre; ha bisogno di sentire che il padre la vede, si accorge di lei, ha stima delle sue capacità e del valore che possiede, non solo come persona ma proprio in quanto donna».

Che cosa sta succedendo ai papà oggi?
Forse questa domanda andrebbe rivolta a loro, ma posso solo dire che non hanno un compito facile perché il contesto culturale è cambiato molto e il ruolo dei padri è stato a lungo marginalizzato arrivando così a delegare alla madre. Ed è proprio qui che questo libro può ribaltare la situazione e far riscoprire che il papà è visto dalla figlia come  il suo eroe, è l’uomo più importante della sua vita, per il semplice fatto di essere suo papà.
Quali rischi corrono le figlie, e la società, dalla diserzione dei padri?
Non penso di essere in grado di rispondere a questa domanda, forse ci vuole il parere di uno specialista, ma penso che l’insicurezza sia il rischio maggiore, non poter avere un punto di riferimento solido, rassicurante che ti insegna a fare allenandoti alla frustrazione per poi poterti guardare con quel tipico sguardo di compiacimento che si manifesta nell’orgoglio di un padre!

La seconda parte dell’intervista verrà pubblicata sabato 14 luglio